Cucina AlbaneseTurismo in Albania

Terre Promesse

L’identità dei paesi nelle forme e nei dialetti alimentari e architettonici

Come se clandestino, immigrato irregolare sull’isola, ho chiesto il permesso di accedere al “castello” ad altro intruso, con i piedi nella bocca di mare, a pesca a Punta Meliso.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su PugliAround dal titolo “Terre Promesse” liberamente autorizzato dall’autore Vito Carenza

Cavità galleggiante e di transito, nel ’91, di tanti albanesi, verso l’approdo nel porto di Brindisi. Tanti quanti gli spettatori capaci di affollare, in origine, lo stesso anfiteatro romano di Durazzo!

Arena svuotatasi nella ancora vicina circostanza storica, come vuoto è tuttora il cinquecentesco Castello Rosso, ma rosso perché di carparo, costruito sull’isola di Sant’Andrea e abbandonato dalla Marina Militare Italiana.

PugliAround Terre Promesse 3

In realtà, già prima del pescatore, ho cercato una voce autorevole di guardia a quella solitudine, per ricevere uno straccio di permesso e accedere in modo più o meno sereno. Nel frattempo, però, il maniero marino mi ha mostrato la sua bocca e mi ha mangiato.

PugliAround Terre Promesse 1 1

Agli inizi degli anni ’90 masticava odori di piatti poveri dell’est più vicino, che appesantivano soltanto gli abiti di coloro che riuscivano a scappare sulla superficie dell’Adriatico. Nello stesso tempo si lasciava prestare al ruolo di dolce modello di bocca promessa per il reshedie.

PugliAround Terre Promesse 2

Rispettato o disilluso il pregiudizio dei tanti dirimpettai trasferitisi, questi hanno comunque iniziato sul nuovo versante, di pancia stavolta, ciascuno la propria ricostruzione, chi personale, familiare, professionale, chi attraverso lo scambio culturale, a volte a mo’ di cervi quando s’intrecciano con le corna, altre come montoni quando le teste “brindano” l’una contro l’altra.

Crescita riflessa sul paese d’origine e per molti attraverso la visione di un ponte, quasi un progetto su cui anticipare il ritorno in patria delle nuove idee. Un percorso di ricostruzione e di contraddizioni lungo un ventennio, di breve durata se rapportato al tempo a noi, ancora, necessario per pensare alla realizzazione di un nostro ponte piuttosto che alla riconversione e fruizione di un bene!

Anche la cucina è un settore produttivo protetto e identitario di ogni paese, e la crescita albanese non poteva non passare pure dai fornelli.

PugliAround Terre Promesse 1

Il dispiego delle ali delle aquile è stato il saluto di richiamo, ha avvicinato, anche mescolato i colori dei piatti italiani e pugliesi a quelli locali.

PugliAround Terre Promesse 3 1

Aquile in Albania più che rapaci ispirate dalle nostre moderne tecniche di preparazione, progettano una gastronomia competitiva e leale, a tal punto da alzarsi in volo per rompere l’aria ed esser nostro volano verso i Balcani.

Una volta dentro la bocca del castello, l’animo, come quello di Pinocchio quando dentro la balena, è agitato dal mare che si muove lungo il perimetro delle mura a filo sull’isola, è curioso di salire le scale sconosciute appena penetrate dal sole e, una volta fuori dalla pancia e più vicino al sole, ha visto il volo del rapace, di cui scopre adesso un potente becco degno della robusta costituzione.

Finalmente capace di dispiegarsi in un volo maestoso piuttosto che capanna sull’acqua! Al posto dei pali artigli affilati utili per tenersi aggrappata all’isola arcipelago di culture.

PugliAround Terre Promesse 4

[Grazie a Mondi Kikino, chef di Tirana, per il contributo informativo utile all’ispirazione e per le foto 3 Reshedie, 4 Petanik me fasule, 5 Tiella di riso patate e cozze]

PugliAround è un marchio del tour operator Albe D’Est di Vito Carenza, dello stesso è soprattutto l’idea di una regione in giro, quel primo andare che anticipa l’arrivo dei visitatori.

Argomenti
Visualizza tutto

commenti su “Terre Promesse”

Potrebbe interessarti anche