Albania, dal 1 settembre entra in vigore la legge che regolamenta le criptovalute

L'Albania diventa uno dei pochi paesi europei che regola il quadro giuridico per le valute virtuali, dopo Malta e Francia.

E’ stata pubblicata oggi nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica d’Albania la legge sui mercati finanziari basati sulla tecnologia dei registri distribuiti (Blockchain), la quale regolamenta le criptovalute.

La legge – che era stata respinta con un decreto dal Presidente della Repubblica Ilir Meta perché “offre spazio al riciclaggio di denaro” – dovrebbe entrare in vigore il 1 settembre.

Sempre sulla Gazzetta Ufficiale, inoltre, è stata pubblicata la decisione del parlamento che annulla il decreto del Presidente, aprendo la strada all’utilizzo ufficiale delle valute virtuali in Albania. In questo modo, il Paese delle Aquile diventa uno dei pochi paesi d’Europa a legalizzare e regolarizzare il quadro giuridico per le criptovalute.

Fino ad oggi, infatti, soltanto due paesi (Malta e Francia) hanno preso provvedimenti per attuare alcune normative sulle risorse virtuali, che non sono coperte dall’attuale quadro dell’Unione Europea.

Vantaggi e rischi

La relazione che ha accompagnato la pubblicazione della legge sulla Gazzetta Ufficiale riconosce vantaggi ma anche rischi nel settore delle valute virtuali.

Per sfruttare al meglio i vantaggi offerti da questa tecnologia, ma anche per indirizzare una serie di possibili rischi, come la creazione di schemi fraudolenti o di schemi non autorizzati nell’offrire risorse virtuali, il rischio di utilizzare le valute virtuali per riciclaggio di denaro, oltre alla manipolazione del mercato, è necessario un quadro giuridico completo affinché questa attività possa essere regolata.” – si legge nella relazione.

Per quanto riguarda il rischio di riciclaggio di denaro, nella relazione si afferma che la legge affronta anche le questioni relative alla prevenzione del fenomeno imponendo a ciascun licenziatario di istituire un sistema sicuro e privo di rischi per monitorare le transazioni in conformità con la legge sulla prevenzione del riciclaggio di denaro.

“E’ evidente che attraverso la tecnologia Blockchain, noi avremo la possibilità di dare in futuro ai nostri sistemi l’efficacia e la sicurezza più alta. Un paese come l’Albania può offrire un modo molto più efficiente di rimesse, riducendo tutti i costi e aumentando la velocità delle interazioni.” – dichiarava lo scorso ottobre il premier albanese Edi Rama.

Per non perdere gli articoli di Albania News seguiteci su Google News

Discussione su questo articolo