AlbaniaEconomiaStatistiche

Albania, quando il business è al femminile: salari ed aziende del gentil sesso

Le donne sono state storicamente pagate meno rispetto agli uomini in Albania, anche se negli ultimi anni il divario salariale si è notevolmente ridotto.

Le donne sono state storicamente pagate meno rispetto agli uomini in Albania, anche se negli ultimi anni il divario salariale si è notevolmente ridotto.

Dal 10% di divario del 2014 si è passati al 6,3% del 2016, secondo quanto riportato dai dati INSTAT (Istituto di statistica albanese). Quest’ultimi, inoltre, evidenziano come gli uomini siano pagati più delle donne in 25 delle 36 professioni che vengono classificate.

La rivincita delle donne arriva nell’impiego ‘amministrativo e commerciale’ dove, sempre nel 2016, il divario salariale è stato del 28% a favore del gentil sesso (146.135 leke/mese contro 113.825/mese).

Il secondo lavoro più redditizio per le donne è quello degli ‘specialisti in tecnologia della comunicazione e dell’informazione’, con uno stipendio medio di 86.927 leke/mese, 7% inferiore rispetto al sesso maschile.

Dati alla mano, le donne, oltre che nel management di aziende, dettano legge anche negli impieghi statali. Nel impiego ‘alti funzionari dell’amministrazione dello stato e amministratori esecutivi’, infatti, gli uomini percepiscono di media 81.031 leke/mese, 2.240 leke (3%) in meno rispetto alle donne.

Retribuzione mensile lorda per occupazionale e genere in Albania
Retribuzione mensile lorda per occupazionale e genere in Albania

 

Quando il business è al femminile

Il 26,8% delle imprese totali, riporta ancora INSTAT, è gestita da donne.

Dal 2006 al 2016 la percentuale è aumentata costantemente, registrando la crescita maggiore nelle imprese composte da 1-4 o 5-9 dipendenti.

La maggiore concentrazione di queste aziende è nel distretto di Tirana, anche se qui si è registrato un calo rispetto agli anni passati (del 3% se prendiamo come riferimento il 2011) come dopotutto anche per gli uomini; per il sesso maschile  il calo del numero delle imprese concentrate a Tirana è stato ancora più netto (dal 39,3% del totale al 27,93%).

Il distretto con la minor concentrazione di imprese al femminile, invece, rimane quello di Kukës.

La rivista Monitor, proprio riguardo al business al femminile, ha pubblicato una graduatoria delle donne imprenditrici secondo il guadagno netto per il 2016:

  1. Anisa Skendaj (INFO-Telecom, DIGICOM) – Guadagno netto: 328.6 milioni di leke
  2. Vilma Nushi (M&D) – Guadagno netto: 318 milioni di leke
  3. Merita Sheqi (Rejsi Farma) – Guadagno netto: 164 milioni di leke
  4. Donike Gega (Gega Center)  – Guadagno netto: 160 milioni di leke
  5. Le donne della famiglia Hoxha (Digitalb, Top Channel) – Guadagno netto: 132 milioni di leke
  6. Donika Mici (Donniana, Dophil, Rozimpex) – Guadagno netto: 85 milioni di leke
Aziende attive per genere dell'imprenditore e numero di lavoratori
Aziende attive per genere dell’imprenditore e numero di lavoratori
Argomenti
Leggi tutto

commenti per “Albania, quando il business è al femminile: salari ed aziende del gentil sesso”

Potrebbe interessarti anche

Close
Close