UEFA Nations League: la Scozia asfalta l’Albania

L'Albania perde 0-4 in casa contro la Scozia ed è ufficialmente retrocessa nella quarta fascia della UEFA Nations League.

Crolla l’Albania di Christian Panucci al cospetto della Scozia, che vince facilmente a Scutari per 4-0. Una partita senza storia, condizionata pesantemente dall’espulsione di Mavraj nel primo tempo quando i rosso-neri erano già sotto 1-0. 

Si chiude così – e non poteva essere peggio – l’avventura dell’Albania nella UEFA Nations League, con quattro partite giocate, una vittoria, tre partite e l’ultimo posto del girone che fa retrocedere l’Albania nella quarta fascia per la prossima UEFA Nations League che si disputerà in vista delle qualificazioni ad Euro 2024.

Ora per Panucci il rischio esonero è davvero vicino: il ct – oltre a non essere mai entrato nelle grazie di tifosi e giocatori – potrebbe pagare per gli scarsi risultati e, soprattutto, per non aver mai dato un’impronta di gioca alla nazionale nell’ultimo anno.

La partita

L’Albania parte con la giusta intensità e va vicino subito al gol con il colpo di testa di Uzuni, su ottimo cross di Memushaj, che finisce di poco a lato.

Al 14’, tuttavia, la Scozia passa in vantaggio: Xhaka perde un brutto pallone nei pressi dell’area di rigore, Fraser ne approfitta e infila Berisha sul palo più lontano. E’ l’inizio dell’incubo: passano solo sette minuti, infatti, e Mavraj viene espulso per fallo di reazione su Forrest.

La partita in pratica termina qui, perché dal 21’ in avanti sarà pura accademia per la nazionale scozzese. Poco prima dell’intervallo, Fletcher realizza il 2-0 su calcio di rigore generoso concesso dall’arbitro russo Bezborodov; nella ripresa, invece, è Forrest a rubare la scena con la doppietta che sancisce lo 0-4 finale.

Panucci: è colpa mia

Ci è andata davvero male, abbiamo subito gol alla loro prima azione. Poi con l’espulsione di Mavraj la partita è andata completamente fuori controllo.

Mi assumo le responsabilità di ogni cosa. Ho sbagliato alcune scelte e tutte le colpe sono da attribuire a me. Ciò nonostante, credo molto in questa squadra e cercheremo di migliorarci. Non metto in dubbio la fiducia dei miei giocatori, non incolpo nessuno, la colpa è soltanto mia.

Le offese dello stadio? Erano critiche rivolte a me. Meglio a me che ai giocatori. “ – ha dichiarato Panucci nella conferenza stampa post-partita.

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close