Albania-Italia, Nand Ocelli: “Forza rossoneri… forza azzurri!”

Che la partita la vinca l'Albania e che la nostra Italia vinca il mondiale!

La partita dei sogni, la partita tanto desiderata per noi albanesi. La partita che stiamo aspettando da anni, la partita contro la squadra per la quale tifiamo quasi tutti noi, albanesi.

Giocheremo contro la storia del calcio mondiale di ieri e di oggi, contro la maglia tricolore che hanno indossato Riva, Riviera, Mazzola, Facchetti, Paolo Rossi, Tardelli, Scirea, Causio, Altobelli, Capello, Cabrini, Baggio, Del Piero, Totti e tanti altri.

Avremo di fronte Buffon, il miglior portiere di tutti i tempi, i suoi compagni di Juventus e delle altre squadre.

Non è una partita, è una festa contro i quattro volte campioni del mondo…

Alzi la mano chi di noi albanesi non ha gioito nel 1982, quando i figli di Bearzot scrissero la storia.

Alzi la mano chi non ha urlato all’ ultimo rigore di Grosso, nella finale di Berlino, nel 2006 e non ha festeggiato come un matto per le strade e i locali di Tirana!

Affronteremo un pezzo del nostro cuore calcistico, il paese che tanto abbiamo desiderato negli anni della dittatura e che amiamo  tutt’oggi.

Nella mia carriera ho giocato contro tante nazionali delle più forti d’Europa, ma non sono mai stato fortunato di giocare contro i figli del Bel Paese, causa  sorteggio.
Non so cosa avrei dato per esserci in campo, domani, a Scutari, a giocare con la mia nazionale contro la squadra per la quale tifo da bambino (contro Under 21 ci ho giocato)

Il calcio è una festa, è gioia, è fraternità.

Che sia cosi anche lunedì!

Che la partita la vinca l’Albania e che la nostra Italia vinca il mondiale!

Forza rossoneri… forza azzurri!

Nand Ocelli

Nand Ocelli è una delle leggende del calcio albanese, di Partizani Tirana e della Nazionale albanese, da metà anni ’80-’90. A vent’anni, nel lontano 1984, è stato uno dei protagonisti assoluti della memorabile vittoria 2-0, dell’Albania contro il blasonato Belgio di quei anni, pluristellato con (Pfaff, Grun, Vercauteren, Scifo, Coulemans). Dopo la caduta del regime dittatoriale nel 1991 e di conseguenza anche del divieto dei sportivi albanesi di giocare all’estero, ha giocato anche in Germania, Korea del Sud e in Croazia, dove vive tuttora e lavora come specialista di calcio.

Potrebbe interessarti anche

Articoli recenti

Albania ed Unione Europea: ancora presto per cantar vittoria

Quante altre volte dovranno festeggiare gli albanesi prima di entrare in UE? Brinderemo ancora a Giugno?

20 aprile 2018 11:42

Ermal Meta: La sua voce arcobaleno mette le ali a chi lo ascolta

Oggi, nel giorno del suo compleanno, l'artista albanese lancia il nuovo brano: "Dall'alba al tramonto"

20 aprile 2018 09:27

Altro riconoscimento per Igli Tare, premiato come Scouting Leader

L'attuale direttore sportivo della Lazio ha ricevuto un altro riconoscimento per il suo operato nella squadra biancoceleste; la premiazione ufficiale…

19 aprile 2018 18:08

Albania, il fenomeno della caccia illegale continua ad essere presente anche nelle aree protette

Un ricercatore tedesco, Daniel Ruppert, ha monitorato sei aree protette albanesi evidenziando come il fenomeno della caccia illegale continua ad…

19 aprile 2018 13:13

Albania-Kosovo, in calo i flussi commerciali

Nonostante il pedaggio stradale sia stato sospeso, il commercio tra Albania e Kosovo ha registrato un calo nel mese di…

19 aprile 2018 10:14

Edmond Budina, un film per i politici ingordi dell’Albania

Il celebre regista albanese presenta il film ad un importante festival in Italia, quello del Cinema Europeo. Il film tratta…

18 aprile 2018 18:30