Sport

Il canto del cigno della Nazionale, il crepuscolo dorato di Fatos Muço e l’esordio internazionale dei giovani e delle ragazze, 1983-1990 (Storia degli scacchi albanesi: parte VI)

L’anno olimpico 1984

Come abbiamo visto la XXV Olimpiade di Lucerna (1982) si concluse positivamente. Gli scacchi albanesi si dettero una pausa internazionale di un anno, e il 17 marzo 1983 Ilir Seitaj (Dajti) diventò campione d’Albania, interrompendo la serie di sette titoli nazionali consecutivi iniziata da Muço nel 1976.

L’anno olimpico si aprì con la partecipazione albanese al XVI Campionato Balcanico di Skopje (5-11 ottobre 1984). L’albanese Bujar Hoxha – il primo scacchista albanese ad aver disputato nel 1954 il Torneo Zonale per il Campionato Mondiale – fu nominato presidente della commissione arbitrale balcanica. Gli avversari erano ben titolati: Jugoslavia quarta all’Olimpiade 1982, e vice-campione d’Europa 1983, la Bulgaria sesta alla Olimpiade ’82 e sesta al Campionato Europeo ’83: l’Albania riuscì a battere solo la Turchia (4-2) e, mentre al Campionato Balcanico 1982 di Plovdiv ottenne 14 punti e il quarto posto, a Skopje ne prese 12 giungendo quinta. Spiccò la sconfitta di misura contro i vicecampioni europei della Jugoslavia (2,5-3,5) e la clamorosa vittoria del MI Muço contro il GM Slavoljub Marjanovic, con un ELO di 2525! L’anno dopo Marianovic diventerà Campione di Jugoslavia.

Alla XXVI Olimpiade di Salonicco (18 novembre-5 dicembre 1984), l’Albania presentò la seguente nazionale schierata in ordine di tavoli: MI Muço, Seitaj, Sula, Aldo Zadrima, Llambi Qendro e Agim Preza. Essa confermò i 29 punti di due anni prima, ma perse una posizione arrivando 41ª; però migliorò le vittorie: 6+ con 2= e 6-; rispetto alle 4+ 5= e 5- del 1982. Sula, incontrando 2 GM, 3 MI, 3 MF e 4 MN e conquistando la seconda norma diventò MF (6+ 3= 3-, 7.5 pti, 62.5%); e Seitaj di fronte a 3 GM, 5 MI, 1 MF e 4 MN, raggiunse la prima norma di MF (4+ 5= 4-, 6.5 pti, 50.0%). Grazie ai punti ottenuti al torneo olimpico contro 2 GM, 3 MI, 3 MF e 4 MN, Zeqir Sula diventò il primo albanese a fregiarsi del titolo di Maestro della FIDE.

Dal 25 gennaio al 10 febbraio 1985 a Kavala, Muço e Seitaj parteciparono al Torneo Zonale del Campionato Mondiale individuale 1984-87, trentun anni dopo Bujar Hoxha a Mariánské Láznê (ex Marienbad, a ovest di Praga); essi registrarono ottimi risultati. Presero parte: 4 GM, 4 MI (compreso Muço), 6 MF e l’unico non titolato ch’era proprio il MN Seitaj. Muço, al termine di una grande prestazione che lo piazzò al terzo posto (8.5 punti), fu sconfitto solo dal MI jugoslavo Mišo Cebalo all’8° turno; e Seitaj batteva il GM jugoslavo Dragoljub Velimirovic al 13° turno (Campione di Jugoslavia 1970, 1975 e 1997). A sua volta lo stesso Seitaj, nel 1987, in virtù dei risultati di Kavala fu insignito dal Congresso FIDE di Dubai (Emirati Arabi Uniti) del titolo di Maestro della FIDE.

XVI BALCANIADE, 5-11 ottobre 1984, a Skopje (Jugoslavia)

Capitano non giocatore: Esat Duraku; Scacchisti: Tav. 1. MI Fatos Muço, 2. Ilir Seitaj, 3. Ilir Karkanaqe, 4. Zeqir Sula, 5. Llambi Qendro, 6. Agim Preza, R. Kozma Nasto

Partita

Risultato

Bulgaria-Albania

4,5-1,5

Jugoslavia-Albania

3,5-2,5

Grecia-Albania

3,5-2,5

Romania-Albania

4,5-1,5

Albania-Turchia

4-2

Classifica finale: 1. Jugoslavia 21 p.; 2. Bulgaria 17,5 p.; 3. Romania 16 p.; 4. Grecia 13 p.; 5. Albania 12 p.; 6. Turchia 10,5 p.

XXVI OLIMPIADE, 18 novembre-5 dicembre 1984, a Salonicco (Grecia)

Partita

Risultato

Piazz.

Data

Albania-Giappone

4-0

1

19 nov

Romania-Albania

3,5-0,5

41

20 nov

Cile-Albania

3-1

51

21 nov

Albania-Malta

3,5-0,5

40

22 nov

Albania-Austria

2-2

38

23 nov

Danimarca-Albania

2,5-1,5

43

24 nov

Albania-Paraguay

2-2

42

25 nov

Albania-Nuova Zelanda

3-1

34

27 nov

Cuba-Albania

3-1

44

28 nov

Albania-Tunisia

3,5-0,5

31

29 nov

Albania-Portogallo

2,5-1,5

28

30 nov

Albania-Emirati Arabi Uniti

2,5-1,5

20

1° dic

Cecoslovacchia-Albania

3-1

30

2 dic

Canada-Albania

3-1

41

4 dic

Albania: 41ª su 88 (compresa Grecia “B”)

Capitano non giocatore: Esat Duraku

Avversari

Tav.

Scacchista

ELO

Pa.

+

=

Pu.

%

P.

T.

GM

MI

MF

MN

N. 1

MI Fatos Muço

2430

11

1

7

3

4,5

40,9

65

4

3

3

1

N. 2

Ilir Seitaj

13

4

5

4

6,5

50,0

41

3

5

1

4

N. 3

Zeqir Sula

2390

12

6

3

3

7,5

62,5

9

2

3

3

4

N. 4

Aldo Zadrima

2205

12

4

7

1

7,5

62,5

18

1

2

2

7

R. 1

Llambi Qendro

2305

5

2

1

2

2,5

50,0

1

1

3

R. 2

Agim Preza

3

0

1

2

0,5

16,7

1

2

Pa.: incontri; +: vittorie; =: patte; -: sconfitte; Pu: punti; %: percentuale; P.

T.: posizione finale al tavolo

GM: Gran Maestri; MI: Maestri Internazionali; MF: Maestri della FIDE; MN: Maestri Nazionali

L’Olimpiade di Salonicco 1988

Nel frattempo, l’Albania non si iscrisse alla XXVII Olimpiade di Dubai 1986, preferendo concentrare i suoi sforzi sulla XXVIII Olimpiade nuovamente a Salonicco dal 12 al 30 novembre 1988. L’Albania presentava: MI Muço, Karkanaqe, Qendro, MF Seitaj, Vangjel Adhami e Lorenc Rama. Fu una grande prova, con 30,5 punti la nazionale colse il massimo del punteggio in tutte le edizioni delle Olimpiadi svolte dall’Albania con il sistema svizzero. Ma poteva fare anche meglio. Addirittura dopo l’11° turno era nona al mondo a pari merito con Jugoslavia, Svezia e Germania Federale/Ovest, a un solo punto dal quarto posto: un parziale mai raggiunto nella storia degli scacchi albanesi. Al 12° turno, come prevedibile, la sconfitta contro la Bulgaria fu anche contenuta in un 1-3, considerando l’ELO 2508 dei bulgari e il 2356 albanese; a quel punto anche il 22° posto rappresentava un traguardo mai raggiunto prima nella classifica finale, e quindi difendibile. Ma la pesante sconfitta con la Spagna (1-3) ed un deludente pari all’ultimo turno con un Belgio di ELO inferiore piazzarono l’Albania al 33° posto su 108. Se consideriamo che l’Albania aveva 3 soli punti di differenza dal 6° posto, una vittoria per 4-0 contro il Belgio all’ultimo turno l’avrebbe classificata al 12° posto al mondo al pari di Cecoslovacchia, Italia e Svezia. La maggiore occasione buttata al vento nella storia dello sport albanese: superiore addirittura a quella non colta contro il Galles alle Olimpiadi 1982 e all’ultimo turno, quando avrebbe potuto piazzarsi al 15° posto. La migliore prestazione individuale fu del MF Seitaj, imbattuto con 6+ e 6=, 75.0% (1 GM, 1 MI, 2 MF, 8 MN). Karkanaqe conquistò il 54.2% dei punti contro 4 GM, 3 MI, 1 MF e 4 MN, diventando MF. Complessivamente l’Albania registrò 5+ 2= e 7-.

XXVIII OLIMPIADE, 12-30 novembre 1988, a Salonicco (Grecia)

Partita

Risultato

Piazz.

Data

Albania-Zambia

4-0

1

13 nov

Germania Democratica-Albania

3-1

37

14 nov

Finlandia-Albania

2,5-1,5

51

15 nov

Albania-Siria

3,5-0,5

25

16 nov

Perù-Albania

3-1

40

18 nov

Albania-Argentina

2-2

41

19 nov

Fær Øer-Albania

2,5-1,5

51

20 nov

Albania-Bangladesh

3-1

40

21 nov

Grecia-Albania

2,5-1,5

41

22 nov

Albania-Emirati Arabi Uniti

4-0

28

23 nov

Albania-Scozia

3,5-0,5

12

25 nov

Bulgaria-Albania

3-1

22

26 nov

Spagna-Albania

3-1

30

27 nov

Albania-Belgio

2-2

33

29 nov

Albania: 33ª su 108 (compresa Grecia “B”)

Capitano non giocatore: Bujar Hoxha

Avversari

Tav.

Scacchista

ELO

Pa.

+

=

Pu.

%

P.

T.

GM

MI

MF

MN

N. 1

MI Fatos Muço

2435

12

3

5

4

5,5

45,8

61

2

3

3

4

N. 2

Ilir Karkanaqe

2375

12

4

5

3

6,5

54,2

47

4

3

1

4

N. 3

Llambi Qendro

2295

12

5

2

5

6

50,0

45

2

4

2

4

N. 4

MF Ilir Seitaj

2320

12

6

6

0

9

75,0

6

1

1

2

8

R. 1

Vangjel Adhami

2325

4

1

1

2

1,5

37,5

1

1

2

R. 2

Lorenc Rama

4

2

0

2

2

50,0

1

3

Pa.: incontri; +: vittorie; =: patte; -: sconfitte; Pu: punti; %: percentuale; P.

T.: posizione finale al tavolo

GM: Gran Maestri; MI: Maestri Internazionali; MF: Maestri della FIDE; MN: Maestri Nazionali

La prima vittoria in un torneo internazionale individuale fuori d’Albania

Nel settembre 1989 il Maestro Internazionale Fatos Muço compì un’altra impresa storica vincendo il primo torneo internazionale da parte di uno scacchista albanese al di fuori del proprio Paese: la Coppa “Acropolis” di Atene. Imbattuto in 9 partite con 6,5 punti.

Coppa Acropolis, 16-25 settembre 1989, ad Atene (Grecia): sistema svizzero in nove turni

B

MI Muço-MI Georgios Mastrokukos (Grecia: 2225)

1-0

N

MI Muço-MI Andreas Tzermiadianos (Grecia: 2200)

1-0

N

MI Muço-MI Andrzej Filipowicz (Polonia: 2405)

0,5-0,5

B

MI Muço-GM Vasilios Kotronias (Grecia: 2505)

0,5-0,5

B

MI Muço-GM Vladimir Dimitrov (Bulgaria: 2420)

1-0

N

MI Muço-GM Glenn C. Flear (Inghilterra: 2500)

0,5-0,5

N

MI Muço-IM Rico Mascariñas (Filippine: 2465)

1-0

B

MI Muço-MI Ivan Marinkovic (Jugoslavia: 2420)

0,5-0,5

B

MI Muço-GM Milos Pavlovic (Jugoslavia: 2375)

0,5-0,5

Il MI Fatos Muço vinse il torneo, a cui presero parte 32 scacchisti, fra i quali i migliori scacchisti greci e da: Albania, Bulgaria, Cecoslovacchia, Cipro, Filippine, Francia, Germania Federale, Inghilterra, Jugoslavia, Polonia, Romania, Turchia e Ungheria.

L’esordio dei giovani

Dal 5 al 9 novembre le nazionali giovanili maschile e femminile disputarono per la prima volta un Campionato Balcanico, il III per Nazionali Juniores (Khánia, Creta): esordirono nell’arena internazionale Altin Çela e Arben Dardha, che anni dopo saranno rispettivamente MI e MF; Albana Vuji e Rozana Gjergj (con 13 anni la più giovane del campionato e argento al Tav. 2) disputarono un buon torneo, portando l’Albania al 4° posto, superando la Jugoslavia in classifica e ad un solo mezzo punto dalla medaglia di bronzo greca: con le jugoslave le ragazze avevano pareggiato 1-1, mentre la Grecia era stata addirittura battuta 1,5-0,5. Per le ragazze albanesi si trattava dell’esordio in campo internazionale.

A fine stagione (17 dicembre) Muço conquistava il suo undicesimo titolo nazionale.

III BALCANIADE JUNIORES MASCHILE, 5-9 novembre 1989, a Khánia (Grecia)

Partita

Risultato

Piazz.

Romania-Albania

4-0

4

Bulgaria-Albania

3,5-0,5

5

Jugoslavia-Albania

3,5-0,5

5

Grecia-Albania

3,5-0,5

5

Classifica: 1. Bulgaria 11,5 p.; 2. Jugoslavia 11 p.; 3. Romania 10,5 p.; 4. Grecia 5,5 p.; 5. Albania 1,5

Capitano non giocatore: Fatos Muço

Tav.

Scacchista

Pa.

+

=

Pu.

%

N. 1

Gazmir Hazizi

4

0

0

4

0

0,0

N. 2

Altin Çela

4

0

1

3

0,5

12,5

N. 3

Arben Dardha

4

0

1

3

0,5

12,5

N. 4

Leonard Koçani

4

0

1

3

0,5

12,5

Pa.: incontri; +: vittorie; =: patte; -: sconfitte; Pu: punti; %: percentuale

III BALCANIADE JUNIORES FEMMINILE, 5-9 novembre 1989, a Khánia (Grecia)

Partita

Risultato

Piazz.

Albania-Grecia

1,5-0,5

1

Romania-Albania

1,5-0,5

3

Bulgaria-Albania

1,5-0,5

4

Albania-Jugoslavia

1-1

4

Classifica: 1. Romania 5 p.; 2. Bulgaria 4,5; 3. Grecia 4 p.; 4. Albania 3,5; 5. Jugoslavia 3

Capitano non giocatore: Fatos Omari

Tav.

Scacchista

Pa.

+

=

Pu.

%

P.

T.

N. 1

Albana Vuji

4

1

1

2

1,5

37,5

4

N. 2

Rozana Gjergj

4

1

2

1

2

50,0

2

Pa.: incontri; +: vittorie; =: patte; -: sconfitte; Pu: punti; %: percentuale, P.

T.: posizione finale al tavolo

L’Olimpiade di Novi Sad 1990. La prima norma di Gran Maestro per Fatos Muço e l’esordio mondiale delle ragazze

Alla XXIX Olimpiade di Novi Sad (Jugoslavia, 16 novembre-3 dicembre 1990), l’Albania vinse più di due anni prima (6+ 3= 5-) ma ottenne mezzo punto in meno piazzandosi 40ª su 108. Vi presero parte: MI Muço, Harallamb Boshku, Shkëlqim Çela, Sula, MF Karkanaqe, MF Seitaj. Muço si mise in evidenza con un’altra grande impresa, imbattuto contro 6 GM, 3 MI e 1 MN: la prestazione gli valse il 5° miglior punteggio al mondo al tavolino 1, e la prima norma per GM. Anche Seitaj giocò bene: una sola sconfitta su 11 partite (4 MI, 4 MF, 3 MN), e la prima norma per MI. Al 12° turno superando il Paraguay per 3-1, l’Albania raggiunse il fatidico 26° posto che uguagliava la migliore prestazione di sempre conseguita all’Olimpiade di Varna nel 1962. Al 13° turno fu battuta dalla Scozia per 1,5-2,5, ma fu all’ultimo turno che perdendo con l’Argentina con simile punteggio lasciò ogni speranza; se l’avesse sconfitta almeno 3-1 sarebbe giunta fra la 20ª e la 24ª posizione, e non 40ª!

Per la prima volta le ragazze presero parte all’Olimpiade, sempre a Novi Sad (XIV femminile). Se teniamo presente l’inesperienza, l’assenza di scacchiste con titoli, e che tutte le squadre incontrate avevano un ELO più alto (ad eccezione delle neozelandesi di pari 1800), il 35° posto finale con 5+ 3= e 6- rappresentava più che un successo, un miracolo. Dopo il 10° turno addirittura l’Albania era 17ª al mondo (fra le vittorie: Albania-Italia 2-1), ma la Nazionale ebbe un clamoroso tracollo con l’Argentina (0-3) di ELO 2120. Se pensiamo al pareggio con l’India di ELO 2150, superiore all’Argentina, ci dobbiamo rammaricare che con almeno un pari la Nazionale poteva puntare al 22° posto finale. Comunque il 35° posto rappresenta il miglior risultato albanese femminile di tutti i tempi alle Olimpiadi. Traguardo magistrale considerando che Gjergji e Vuji avevano disputato solo cinque incontri ciascuna in campo internazionale prima del torneo olimpico, e Boriçi e Alushi nessuno. Da segnalare il 18 novembre l’incontro con l’Unione Sovietica, il secondo dopo la partita del girone finale a quattro di Coppa dei Campioni di pallavolo femminile a Ravenna, il 23 febbraio precedente: Dinamo Tirana-Uralochka Sverdlosk (oggi Ekaterinburg) . L’ultimo Albania-URSS risaliva al 1958 e anche in quella occasione fu pallavolistico: si era a Praga e i sovietici sconfissero gli albanesi agli Europei maschili. XXIX Olimpiade maschile, 16 novembre-4 dicembre 1990, a Novi Sad (Jugoslavia)

PartitaRisultatoPiazz.Data
Albania-Panamà4-0117 nov
Albania-Indonesia2,5-1,5718 nov
Ungheria-Albania3-13019 nov
Albania-Brasile2-23620 nov
Irlanda-Albania2,5-1,54021 nov
Albania-Grecia3-13423 nov
Albania-Spain2,5-1,52824 nov
India-Albania3-14125 nov
Albania-Austria2-23726 nov
Albania-Finlandia2-23927 nov
Albania-Turchia2,5-1,53429 nov
Albania-Paraguay3-12630 nov
Scozia-Albania2,5-1,5301° dic
Argentina-Albania2,5-1,5403 dic

Albania: 40ª su 108 (incluse Jugoslavia “B” e “C”)

Capitano non giocatore: Esat DurakuAvversari
Tav.ScacchistaELOPa.+=Pu.%P.

T.

GMMIMFMN
N. 1MI Fatos Muço244010460770,05631
N. 2Harallamb Boshku12264541,7704332
N. 3Shkëlqim Çela51131,530,01211
N. 4FM Zeqir Sula23659243444,4581413
R. 1FM Ilir Karkanaqe23759342555,626144
R. 2FM Ilir Seitaj2365115517,568,212443

Pa.: incontri; +: vittorie; =: patte; –: sconfitte; Pu: punti; %: percentuale; P.

T.: posizione finale al tavoloGM: Gran Maestri; MI: Maestri Internazionali; MF: Maestri della FIDE; MN: Maestri Nazionali XIV Olimpiade FEMMINILE, 16 novembre-4 dicembre 1990, a Novi Sad (Jugoslavia)

PartitaRisultatoPiazz.Data
Albania-Irlanda2,5-0,51817 nov
Unione Sovietica-Albania3-03818 nov
Austria-Albania2-14419 nov
Albania-Portogallo2,5-0,53420 nov
Albania-Italia2-12721 nov
Paesi Bassi-Albania2-13223 nov
Albania-Brasile1,5-1,53024 nov
Albania-Belgio2-12825 nov
Albania-Nuova Zelanda3-01726 nov
Albania-India1,5-1,51727 nov
Germania Democratica (Est)-Albania2-12529 nov
Argentina-Albania3-03230 nov
Australia-Albania2-1381° dic
Albania-Indonesia1,5-1,5353 dic

Albania: 35ª su 66 (incluse Jugoslavia “B” e “C”)

Capitano non giocatore: Fatos OmariAvversarie
Tav.ScacchistaELOPa.+=Pu.%P.

T.

GMMIMFMN
N. 1Rozana Gjergji134365,542,31714
N. 2Albana Vuji126247,058,31425
N. 3Ylvije Boriçi114164,540,91217
R. 1Arta Driza63123,558,36

Pa.: incontri; +: vittorie; =: patte; –: sconfitte; Pu: punti; %: percentuale; P.

T.: posizione finale al tavoloGM: Gran Maestre; MI: Maestre Internazionali; MF: Maestre della FIDE; MN: Maestre Nazionali (6. continua) I (25 dicembre 2008): Dalle origini al gennaio 1960 II (6 gennaio 2009): Dalla Olimpiade 1960 alla medaglia d’argento di Eqrem Konçi nel 1970 III (13 gennaio 2009): Il complotto antialbanese alle Olimpiadi di Skopje (1972) IV (21 gennaio 2009): Il periodo 1973-1980 V (26 gennaio 2009): Una nazionale di grande livello e l’epopea di Fatos Muço (1980-1982) VII (24 febbraio 2009): Il tramonto della Nazionale e l’alba di Erald Dervishi ed Altin Çela (1991-1999)

Argomenti
Visualizza tutto

commenti su “Il canto del cigno della Nazionale, il crepuscolo dorato di Fatos Muço e l’esordio internazionale dei giovani e delle ragazze, 1983-1990 (Storia degli scacchi albanesi: parte VI)”

Potrebbe interessarti anche