PoliticaRassegna Stampa

Criminalità albanese della droga è ormai un problema europeo

“Il paese ha fatto molto, ma anche i leader della regione devono agire”, dichiara Edi Rama in una lettera al quotidiano britannico Financial Times

In base all’articolo pubblicato dal Financial Times, il Primo Ministro Edi Rama ha affermato che la lotta alla criminalità ed alla droga in Albania richiede un po’ di tempo e il contributo da parte di tutti i Paesi dell’UE.

So bene che diverse persone, se parli dell’Albania, pensano al crimine ed alle droghe. Sono anche consapevole del fatto che per cancellare quell’immagine – profondamente ingiusta verso un paese di persone rispettose della legge in gran parte pacifiche – richiederà tempo e, soprattutto, azione. La scorsa settimana abbiamo appreso che la nostra azione sta dando i suoi frutti.

Siamo in debito con la polizia finanziaria italiana, la Guardia di Finanza e la sofisticata sorveglianza aerea fornita per individuare le piantagioni di cannabis per le forze di polizia albanesi. Le statistiche sono inequivocabili.

Un anno fa, i loro voli hanno identificato 2.086 piantagioni in tutto il territorio dell’Albania. Quest’anno, anche con voli estesi e sorveglianza potenziata, ce ne sono stati solo 88. Ora tutti sono stati distrutti dalla nostra polizia.

Questo è un vero progresso. Per anni etichettati capitale cannabis d’Europa, l’Albania ha avuto abbastanza e abbiamo lottato.

Per un quarto di secolo la cannabis ha rovinato la vita albanese, corrotto funzionari locali e avvelenato la politica nazionale, arricchendo nel contempo i gangster.

Come questo periodo, un anno fa i media internazionali erano pieni di titoli su quantità record di superficie albanese seminata a cannabis. Forse perché i giornalisti sono attratti dal mezzo vuoto più che mezzo pieno, la vera storia non è mai stata stampata. La vera storia era che le quantità record di cannabis venivano finalmente identificate e distrutte.

Questa non è la fine della storia sicuramente. Le persone che sono diventate ricche grazie alla produzione di droga devono pagare per i loro crimini. Abbiamo lanciato una fase due di un’operazione speciale contro di loro ed il loro patrimonio. Stiamo ripulendo il sistema giudiziario, sorvegliando adeguatamente i giudici che per troppo tempo erano governati da criminali e dai loro soldi.

Ma questi criminali non operano solo in Albania. Sono collegati e interconnessi con la criminalità organizzata nelle nazioni che consumano cannabis. E i governi di questi paesi devono assumersi altrettanto la responsabilità di consegnarli alla giustizia.

Noi in Albania abbiamo fatto tutto il possibile per sradicare una considerevole fonte di un problema a livello europeo. Ma i paesi consumatori devono vigorosamente indagare i colpevoli e di congelare i proventi dei loro crimini. Condivideremo ciò che sappiamo su di loro e le prove che abbiamo contro di loro con le forze di polizia e le autorità di regolamentazione finanziaria in tutta Europa nelle settimane e nei mesi a venire.

Queste sono persone pericolose. Il mio governo li considera una minaccia alla sicurezza nazionale. Anche il tuo dovrebbe. Molti, forse la maggior parte, vivono altrove in Europa, fingendo di essere uomini d’affari legittimi. Ma non fate errori. Sono criminali le cui attività internazionali schiavizzano le persone e creano scompiglio ovunque.

Saranno determinati nell’utilizzo della loro ricchezza per acquistare influenza. Assumeranno studi legali, contabili e agenzie di lobbismo apparentemente rispettati. Tramite questi intermediari, troveranno il modo di ribaltare le accuse e di raffigurarsi come vittime innocenti sotto attacco da parte di rivali commerciali o, peggio, da avversari politici, cioè il mio governo e me. Abbiamo già avuto questa esperienza.

La riforma del nostro sistema giudiziario e l’esame dei giudici e dei pubblici ministeri per corruzione e incompetenza – le principali richieste dell’Unione europea prima di intraprendere negoziati di adesione ufficiali – sono stati quasi deragliati all’inizio di quest’anno. Interessi opposti alla riforma hanno portato turbolenze nelle nostre strade e a volte sembravano determinati a mettere a repentaglio la nostra giovane democrazia.

È opportuno ricordare che per 20 anni i baroni della droga sono stati in grado di possedere l’area intorno al villaggio albanese di Lazarat come un rifugio sicuro per la produzione e la lavorazione della cannabis, un’area di divieto per la polizia e altre autorità governative.

Tale era il peso del commercio di droga che uno dei miei predecessori come primo ministro ha riconosciuto che il non intervento nell’area era la sua “ferma decisione politica”. Il mio governo ha invertito questa politica nel 2014 e un’importante operazione di polizia ha fermato Lazarat. La polizia ha distrutto il “prodotto” che rappresenta quasi un quarto di tutta la cannabis sequestrata e distrutta in Albania in quell’anno.

Quello fu l’inizio della nostra lotta contro i gangster. Ora dobbiamo fare un altro passo importante.

Venerdì scorso ho inviato una lettera ai leader di tutti i 28 membri dell’Unione Europea chiedendo il loro sostegno nella nostra battaglia con i signori della droga. “Sappiamo che alcuni risiedono e prosperano anche nella tua nazione, traendo profitto dalle droghe illegali, dalla prostituzione, dalla tratta di esseri umani e da altre attività illecite”, afferma la mia lettera. “Vogliamo il tuo aiuto e offriamo il nostro in cambio, per catturare queste persone e consegnarle alla giustizia”.

Spero che i cittadini di tutte le nazioni dell’UE inviteranno i loro governi ad allinearsi con noi. Questa è una battaglia per tutti noi e una di quelle che deve essere vinta.

La lettera del Primo ministro dell’Albania Edi Rama è stato originariamente pubblicato sul quotidiano Financial Times

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close
Close