Argirocastro, un patrimonio storico e culturale che giace nell’incuria

La città di Argirocastro - patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 2005 - è unica nel suo genere; tuttavia, la sua singolarità è in pericolo a causa della mancanza di fondi per il restauro.

L’abitazione Lolomani, che in passato era la casa della famiglia d’epoca ottomana con quel nome, era una volta uno spettacolo impressionante nella città montana di Argirocastro (Gjirokastër in albanese), nel sud dell’Albania.

Ora la casa giace in rovina, come decine di altre nella ‘città della pietra’, definita in questo modo per il suo castello, le sue ripide strade di ciottoli e strutture calcaree argentate con vista sulla valle del Drino vicino al confine con la Grecia.

Molti degli edifici fortificati secolari, che nel 2005 hanno fatto sì che la città entrasse nella prestigiosa lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO, sono un’attrazione turistica ma rischiano di scomparire. Alcuni sono deserti o lo sono stati per molto tempo, altri hanno subito e continuano a subire modifiche che hanno distrutto il loro valore storico, o hanno troppi proprietari per concordare il lavoro necessario per la ristrutturazione.

Dai 615 monumenti nel centro storico della città più della metà sono soggetti a costruzioni illegali, mentre 169 sono in condizioni critiche o sono a rischio di collasso, ha avvertito qualche tempo fa Europa Nostra, una ONG del patrimonio storico.


C’era una volta

La maggior parte degli edifici risale al XVII e XVIII secolo, anche se le origini della città risalgono a ancora più indietro nel tempo e precisamente nel III secolo. Il più noto scrittore albanese, Ismail Kadare, ha descritto la sua città di Argirocastro come “la città inclinata; con un’angolazione più netta rispetto a qualsiasi altra città della terra.

“Era sicuramente l’unico posto al mondo in cui, se scivolassi e cadessi per strada, potevi finire sul tetto di una casa.” – scrisse nel suo romanzo del 1971 “Chronicle In Stone”.

La massiccia emigrazione ha aggravato il destino degli edifici, poiché Argirocastro non è immune alla tendenza che sta affliggendo l’Albania. La popolazione è passata da 34.000 abitanti nel 2011, a meno di 25.000 oggi. Le sue case prendono il nome dei loro proprietari originali, funzionari dell’impero ottomano come Lolomani, Karaulli, Fico, Zeko e  Babameto, il cui potere era rappresentato dal numero di camini nelle loro case.

Casa Lolomani in Argirocastro
Un uomo indica il danno di una casa appartenente alla famiglia Lolomani nella città di Argirocastro, protetta dall’UNESCO. (AFP)

Oggi, Sokol Karaulli, discendente di una di quelle famiglie nobili, afferma che il suo modo di vivere è ben lontano dall’ostentazione dei suoi cinque camini. Un ex militare non ancora eleggibile per la pensione, che sopravvive solo grazie al salario della moglie pasticciere.

Solo un Argirocastro nel mondo

Oggi circa 80 case sono disabitate, aumentando la possibilità che un tetto che perde possa influenzare la struttura in legno. Tuttavia, con un bilancio complessivo di 2,5-3 milioni di euro, il municipio della città non può affrontare adeguatamente la questione.

Dal 2013 sono state bandite le modifiche strutturali alle case di Argirocastro. Le speranze sono poste nella nuova legge sulle fondazioni culturali, così come sul turismo dopo che circa 20 case si sono trasformate in hotel per accogliere i visitatori.

Solo per rinforzare tutte le rovine sarebbero necessari altri 1,2 milioni di euro. Tutti gli attori che si occupano di beni culturali dovrebbero prendere la questione sul serio e intervenire il più velocemente possibile, perché non esistono altre città al mondo come Argirocastro.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese da TRTWorld dal titolo “Steeped in history but crumbling, Albania’s ‘slanted city'”

Altri articoli su Argirocastro

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close