OpinioniTurismo

Turismo in Albania, per gli esperti c’è bisogno di una strategia chiara e definita

Il settore turistico in Albania è in continua crescita, anche se da parte del governo albanese non c'è ancora una strategia chiara al fine di migliorare la qualità del servizio.

L’Albania sta affrontando un record nazionale di turisti. Per questo motivo, gli esperti del settore hanno invitato il governo albanese a non concentrarsi sul gioco dei numeri, ma su una strategia chiara che migliorerebbe la qualità del servizio e aumenterebbe le entrate per l’industria emergente del paese.

Le autorità albanesi riferiscono che il paese è stato visitato da oltre 5 milioni di turisti stranieri lo scorso anno, generando un’entrata record da 1,7 miliardi di euro, circa il 14% del PIL del paese; tuttavia, gli esperti affermano che circa l’80% di questi 5 milioni sono di etnia albanesi, in quello che viene spesso definito “turismo patriottico“.

Praticamente coloro che attualmente chiamiamo stranieri, se analizzati con attenzione, sono turisti di lingua albanese provenienti da Kosovo, Macedonia o emigrati in Grecia, Italia, Germania ecc. Il numero più alto di stranieri proviene dalla Polonia con circa 100.000 turisti o solo il 5% circa il totale “, afferma ai media albanesi Kliton Gerxhani, direttore delll’Associazione dei Tour Operator albanesi.

L’esperto del settore ritiene prematuro celebrare il successo dell’aumento del numero di turisti se questa escursione turistica non sarà accompagnata da tutta una serie di misure per gestire debitamente questo afflusso.

Siamo di fronte a una crescente domanda per il turismo marittimo; gli hotel attuali necessitano di un supporto per l’industria agroalimentare, un’infrastruttura più sviluppata per gestire l’afflusso così come un numero crescente di personale istruito e qualificato nel settore della formazione professionale del turismo. Questo perché l’attuale mercato del turismo è completamente disorganizzato e necessita di standard e formazione professionali per gestire con successo questa tendenza “, afferma Gerxhani.

Gerxhani, inoltre, sostiene che la distribuzione dei turisti durante l’alta stagione è abbastanza sbilanciata nelle aree costiere del paese e non esiste un piano per aumentare la capacità di accoglienza in base alla domanda o aumentare il numero di turisti in cui la domanda non è aumentata.

Dovremmo essere realistici leggendo le cifre. Il crescente afflusso continua ad avere una distribuzione deformata sul mercato a causa del numero eccessivo di turisti a Durazzo e Saranda vicino agli aeroporti di Tirana e Corfù, mentre altre perle della Riviera albanese continuano a non godere di questa invasione turistica. In altre parole, il numero di turisti ha un eccesso dannoso nel 20-30% del territorio ed è piuttosto insufficiente nel restante 70-80% del territorio “, conclude Gerxhani.

D’altra parte, il primo ministro Edi Rama prevede che il numero di turisti stranieri che visitano il paese aumenti del 15% quest’anno e raggiungerà i 10 milioni nei prossimi cinque anni grazie all’enorme potenziale non sfruttato che il governo intende stimolare con una serie di incentivi fiscali nello sviluppo resort turistici di lusso e con la promozione dell’agriturismo attraverso il progetto nazionale “100 villaggi”.

La strategia del turismo albanese per i prossimi 5 anni

All’inizio di quest’anno, il ministero del turismo dell’Albania ha presentato una nuova strategia quinquennale con l’obiettivo di trasformare il settore emergente in un fattore chiave di sviluppo sostenibile che potrà dare occupazione ad una persona su tre entro il 2027.

Risolvere il problema di lunga data dei titoli di proprietà poco chiari che ostacolano gli investimenti nel turismo, formalizzare e standardizzare i servizi, accedere ai servizi pubblici e gestione dei rifiuti sono alcune delle sfide più pressanti che l’industria del turismo albanese ha individuato nella strategia.

Diversificare l’offerta turistica, migliorare la qualità dei servizi attraverso lo sviluppo delle risorse umane, promuovere l’Albania come destinazione per tutto l’anno, attirare investimenti privati ​​e pubblici e la gestione delle destinazioni, invece, sono le cinque priorità delineate nella strategia 2018-2022.

La strategia prevede che il contributo diretto dell’industria turistica al PIL aumenti fino al 10% del PIL a circa 1,8 miliardi di EUR del PIL entro il 2022 e il numero di turisti a oltre 6 milioni l’anno.

L’industria dei viaggi e del turismo attualmente sostengono direttamente 85.000 posti di lavoro, ma il contributo totale del settore all’occupazione, compresi gli effetti più ampi degli investimenti, della catena di approvvigionamento e dell’impatto del reddito indotto è stimato a circa 267.000 posti di lavoro, circa un quarto del totale dell’occupazione del paese, secondo Londra World Travel & Tourism Council, WTTC.

Argomenti
Leggi tutto

Potrebbe interessarti anche

Close
Close