Macedonia, i partiti albanesi chiedono modifiche costituzionali

La fragile maggioranza del parlamento per l'accordo sul nome, potrebbe essere messa a repentaglio dalle richieste di due piccoli partiti di etnia albanese.

Due piccoli partiti d’opposizione di etnia albanese in Macedonia, il movimento BESA e l’Alleanza per gli Albanesi, stanno insistendo sul fatto che il cambiamento della costituzione – per attuare l’accordo sul nome con la Grecia – sia una buona opportunità per ulteriori cambiamenti che migliorerebbero lo status degli albanesi del paese. 

La questione del nome e la lingua albanese

Tuttavia, il loro ulteriore sostegno sulla questione del nome dipende che gli altri parti accettino le loro richieste di un cambiamento costituzionale che renderebbe la lingua albanese ufficiale in tutto il paese.

Riteniamo che sia giunto il momento che alcune di queste questioni politiche riguardanti gli albanesi siano parte del dibattito.

E che siano naturalmente adottate in modo tale da poterle finalmente risolvere.” – ha affermato il deputato di BESA, Fadil Zendeli, sottolineando anche come BESA abbia già un accordo con l’Alleanza per gli Albanesi.

Sulla stessa linea, Ziadin Sela, leader dell’Alleanza per gli Albanesi, ha affermato che il suo partito vuole modificare il preambolo della costituzione, in modo che si affermi chiaramente che gli albanesi, così come i macedoni, sono un popolo costituente del paese.

Insieme, questi due partiti di opposizione, hanno quattro deputati nel parlamento da 120 posti, il che potrebbe rivelarsi cruciale durante gli ulteriori round di votazione per l’accordo sul nome.

Di veduta diversa, invece, il più grande partito di etnia albanese in parlamento, la piccola unione democratica, che ha dichiarato di non volere richieste aggiuntive:

Pensiamo che questo processo sia una priorità assoluta. Abbiamo lavorato per 17 anni per raggiungere questo momento e non metteremo in pericolo questo processo con ulteriori richieste.” – ha detto il deputato del partito, Artan Grubi.

Approfondimenti


Quanto manca alla Repubblica della Macedonia del Nord?

Il parlamento macedone, venerdì scorso, ha approvato la prima fase dell’accordo sul nome. Tutti i deputati dei partiti etnici albanesi hanno votato a favore.

Ciò ha contribuito a raggiungere il minimo di 80 favorevoli – la maggioranza di due/terzi – alla mozione del governo di avviare una procedura di modifica della costituzione, per consentire al nome del paese di diventare la Repubblica della Macedonia del Nord, come accordato con la Grecia in estate.

Ma affinché il processo si attui del tutto, i parlamentari dovranno votare per altre due volte. Prima dovranno passare i progetti di emendamento proposto dal governo e poi, dopo un dibattito pubblico, dovranno votare per la terza e ultima volta. Il terzo voto richiederà nuovamente la maggioranza dei due/terzi.

Leggi anche

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close