2 EuropeCucina Albanese

Terra Madre: i Balcani portano la loro biodiversità alimentare a Bruxelles

La quinta edizione di Terra Madre Balcani - che riunirà le comunità del cibo dei paesi dei Balcani - ha preso ieri il via a Bruxelles, la capitale UE che ospiterà l'evento fino a domani

Dopo quattro edizioni in giro per i paesi dei Balcani, a Sofia nel 2010, a Dubrovnik nel 2014 e a Tirana nel 2016, il network ‘Terra Madre Balcani’ ha deciso di portare la sua voce al centro del dibattito europeo in un anno cruciale per il futuro della nuova politica agricola comune.

Oltre 100 delegati provenienti da 9 paesi (Albania, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Kosovo, Montenegro, Macedonia, Romania e Serbia), infatti, si riuniranno a Bruxelles, rappresentando il potenziale diversificato di Terra Madre Balcani, una rete profondamente radicata nella regione con migliaia di sostenitori, 24 presìdi Slow Food, oltre 100 comunità del cibo, 50 cuochi e 15 programmi educativi su nutrizione e gusto.

Terra Madre Balcani

Sede della grande maggioranza dei piccoli agricoltori dell’UE, la regione balcanica è ricca di eccellenti pratiche agricole e tradizioni alimentari. Questo potenziale è spesso ostacolato da una disconnessione tra le politiche, per questo i prossimi mesi saranno cruciali per la definizione nella nuova politica agricola comune, il cui impatto sarà particolarmente sentito negli stati membri UE che hanno appena aderito e quelli con la status di candidato.

Lo Slow Food ritiene che una politica agricola comune riformata debba comprendere non solo la produzione alimentare, l’agricoltura e il commercio, ma anche la qualità alimentare e ambientale, la salute, la gestione delle risorse e del territorio, l’ecologia e i valori sociali e culturali. Una PAC di questo tipo potrebbe davvero fornire uno sviluppo rurale sostenibile e contribuire a una più profonda integrazione europea.

Il programma dell’edizione annuale – che ha preso il via nella giornata di ieri – prevede una serie di eventi che mirano a dimostrare il potenziale nascosto dei Balcani, che vanno dai dibattiti politici alle degustazioni con i produttori di cibo.

Su questa linea, il punto focale di questa edizione sarà la conferenza “Il potenziale dei Balcani occidentali per uno sviluppo rurale sostenibile come motore per l’integrazione nell’UE”: si svolgerà martedì 22 Maggio al parlamento europeo e sarà co-ospitato da 4 membri del parlamento europeo: Vladimir Urutchev e Andrey Kovatchev (Bulgaria), Adina-Ioana Valean (Romania),  Dubravka Suica e Ivana Maletic (Croazia). Si concentrerà sul potenziale dei Balcani per lo sviluppo rurale sostenibile come forza trainante per l’integrazione nell’UE.

Oggi, la giornata internazionale della biodiversità, verrà celebrata con una mostra a degustazione di biodiversità alimentare nei Balcani, di fronte alla mensa del parlamento. In serata, invece, i ristoranti ‘Slow Food’ a Bruxelles terranno una serie di cene ospitando chef dei Balcani, per formare partnership per creare menù ad hoc che rappresentano la ricchezza del patrimonio gastronomico dei Balcani, ancora sconusciuto a molti.

La quinta edizione di Terra Madre Balcani è organizzata da Slow Food Balcani, insieme ai deputati del parlamento europeo di Croazia, Bulgaria e Romania ed è reso possibile grazie al contributo della Commissione Europea e della rappresentanza bulgara all’interno dell’UE.

Segui la pagina facebook di Terra Madre Balcani

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close
Close