Verso l’UE, Johannes Hahn in visita in Albania e in Macedonia

Il commissario per l'allargamento dell'UE, Johannes Hahn, ha visitato Albania e Macedonia, ovvero i due paesi che avvieranno i colloqui di adesione il prossimo Giugno. Per l'Albania, Hahn ha sottolineato l'importanza della riforma del sistema giudiziario

Il commissario per l’allargamento dell’Unione Europea, Johannes Hahn, è arrivato in Macedonia per annunciare formalmente l’inizio dei preparativi del paese dei Balcani nell’aprire i colloqui di adesione con l’UE il prossimo anno.

Hahn si è congratulato con la Macedonia per aver recentemente firmato l’accordo con la Grecia per risolvere l’ormai antica controversia sul nome del paese. Per questo motivo, il commissario per l’allargamento ha anche esortato i cittadini macedoni a votare a favore dell’accordo nel referendum di questo autunno, che dovrebbe ufficializzare il cambiamento del nome in Repubblica della Macedonia del Nord.

“Tutto ciò costituisce un forte esempio per gli altri nella regione in modo da rafforzare le relazioni di buon vicinato.” – ha affermato Hahn.

L’accordo raggiunto con la Grecia è stato fondamentale per consentire alla Macedonia di avviare il processo di adesione all’UE. Gli stati membri, riguardo questo, hanno concordato il mese scorso di avviare i colloqui di adesione con Albania e Macedonia il prossimo anno, se le due nazioni continueranno con i progressi nelle riforme.

La visita in Albania

Johannes Hahn si è poi recato nella vicina Albania, accogliendo i primi promettenti risultati della riforma del sistema giudiziario e sollecitando ulteriori risultati tangibili nella lotta alla corruzione.

“L’Albania ha appena ricevuto uno straordinario apprezzamento perché, come è stato detto anche oggi, il consiglio degli affari generali dell’UE ha apprezzato le riforme attuate in Albania. Il consiglio, inoltre, ha indicato Giugno come data per l’avvio dei negoziati ufficiali di adesione, solo se l’Albania consoliderà i miglioramenti raggiunti fino ad oggi.

Gli sforzi devono continuare soprattutto per quanto riguarda la riforma del sistema giudiziario. Risultati concreti su questa strada aiuteranno non solo l’Albania, ma anche gli altri membri dell’UE che hanno seguito con molta attenzione questo processo, in modo da poterlo imitare o riproporlo in maniera leggermente diversa. Ma non bisogna sottovalutare che questa riforma funga da modello per altri paesi.” – ha detto Hahn nella conferenza stampa congiunta al primo ministro albanese, Edi Rama.

Non è la prima volta che Hahn sostiene la candidatura dell’Albania: un mese fa, infatti, prima del summit dei membri UE per decidere sul futuro di Albania e Macedonia, il commissario per l’allargamento aveva affermato che l’Albania merita l’apertura dei negoziati ufficiali di adesione per tutte le riforme attuate.

Tuttavia, in entrambi i paesi, Hahn ha avviato il processo di screening, un esercizio dettagliato condotto dalla commissione europea per preparare i paesi ad avviare i negoziati il prossimo Giugno. Nello specifico, questo processo aiuterà Albania e Macedonia a comprendere le leggi dell’UE e consente allo stesso tempo alla commissione europea di valutare la loro preparazione ad assumere gli obblighi derivanti dall’adesione all’UE.

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close