Economia

L’Eurobond è stato un successo, secondo la Banca d’Albania

Per il direttore della Banca d'Albania, Gent Sejko, l'Eurobond è stato un successo per le finanze del paese e per la riduzione del debito pubblico.

Il direttore della Banca d’ Albania, Gent Sejko, ha descritto la questione Eurobond come un successo per le finanze pubbliche e l’agenda di riduzione del debito pubblico, dopo che l’Albania ha preso in prestito 500 milioni di euro in un’obbligazione di 7 anni al 3,55%.

La questione degli Eurobond è un indicatore di valutazione positiva dell’economia albanese da parte dei mercati internazionali. La sua emissione è un successo sia per l’importo emesso (un miliardo di euro, nonostante il governo abbia bisogno di 500 milioni di euro, il tasso di interesse del 3,5% e il termine di scadenza.

Dobbiamo capire che i tassi di interesse del mercato cambiano su base giornaliera, ma questo tasso è il risultato di due fattori. Il primo riguarda i tassi di interesse più bassi nei mercati internazionali, mentre il secondo è la valutazione positiva dell’economia albanese.” – ha affermato Sejko.

Gli effetti positivi dell’Eurobond

Secondo lui, l’Eurobond ha anche effetti positivi sul sistema bancario albanese orientando le banche locali verso i prestiti alle imprese e alle famiglie e invia anche un segnale positivo agli investitori stranieri.

L’importante è che l’Eurobond non aumenti il ​​debito pubblico. Parte di esso sarà utilizzato per estinguere i vecchi debiti e la parte rimanente sarà utilizzata nel contesto del consolidamento fiscale.

Ecco perché l’Eurobond non avrà alcun effetto sull’aumento del debito a metà e lungo termine. Abbiamo una legge organica che ci obbliga a procedere verso il consolidamento fiscale e a continuare la riduzione del debito.” ha affermato Sejko.

I suoi commenti sono arrivati in una conferenza stampa questa settimana, quando ha annunciato che la banca centrale avrebbe continuato a mantenere il suo tasso di riferimento al minimo storico dell’1% e che la fine della stagione turistica aveva bilanciato il tasso di cambio dell’euro anche in condizioni di mancanza di intervento della banca centrale albanese.

Eurobond e debito pubblico

A differenza dei precedenti quattro mesi, nella riunione mensile di inizio ottobre, il consiglio di vigilanza della banca centrale non ha deciso di continuare le operazioni di intervento di emergenza per acquistare euro in eccesso dal mercato valutario locale nel tentativo di fermare la caduta libera dell’euro nei confronti della valuta nazionale albanese e prevenire una serie di effetti negativi, che riguardano principalmente le esportazioni, i risparmi e le rimesse denominati in euro, ma anche le entrate del governo.

La questione Eurobond è arrivata quando il debito pubblico albanese è sceso ufficialmente a un minimo di cinque anni pari al 65,2% del PIL alla fine del primo semestre di quest’anno, in calo rispetto al 70% circa del PIL alla fine del 2017.

Il debito estero, che rappresentava il 30% del PIL alla fine di giugno 2018 e il cui 57% era denominato nella moneta unica europea, ha avuto un impatto chiave, passando dal 32,8% del PIL alla fine del 2017 e un livello quasi record del 34,26% del PIL alla fine del 2016.

Il ministero delle finanze, che riporta lo stock di debito pubblico nella valuta nazionale, afferma di aver calcolato il debito in euro durante il secondo trimestre di quest’anno a 125,93 lek, in calo da una media di 132,95 lek nel 2017 e 135,23 lek nel 2016.

Il governo albanese punta a portare il debito pubblico a un 60% più conveniente del PIL entro il 2021, ma le istituzioni finanziarie internazionali hanno avvertito l’ambizioso ma piuttosto controverso programma di partenariato pubblico-privato da 1 miliardo di euro che rischia di creare nuovi arretrati nascosti che se inclusi nel lo stock di debito pubblico potrebbe lasciarlo invariato a circa il 70% del PIL per i prossimi quattro anni.

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close
Close