Albania, a Tirana inaugurato il memoriale dell’Olocausto

Il memoriale dell'Olocausto inaugurato a Tirana non riguarda solo il passato, ma il futuro.

Il memoriale dell'Olocausto a Tirana

Ieri, 9 luglio, è stato inaugurato a Tirana il memoriale dell’Olocausto. Alla cerimonia era presente anche l’ambasciatore americano Yuri Kim, che ha elogiato il ruolo dell’Albania nella protezione degli ebrei durante l’Olocausto.

Dopo la salita di Hitler al potere, le famiglie albanesi salvarono centinaia di famiglie ebree. Gli albanesi hanno lavorato per salvare gli ebrei, hanno lavorato per salvare i loro amici. È una storia coraggiosa frutto della “Besa” albanese. Sono orgoglioso che il governo degli Stati Uniti abbia l’opportunità di apprezzare il coraggio del popolo albanese mentre si inaugura questo memoriale.

Vorrei ringraziare il popolo albanese che ci ha dato un brillante esempio. Apprezzo l’iniziativa dell’ambasciatore John Withers che ha fatto molto per erigere questo memoriale che ricorda i milioni di ebrei che furono perseguitati“, ha detto l’ambasciatore Kim.

Yuri Kim, l’ambasciatore americano in Albania

Il sindaco Erion Veliaj ha dichiarato che il valore mostrato in quegli anni difficili rende orgogliosi tutti gli albanesi.

Noi albanesi, ovviamente, sappiamo come aprire la porta e il cuore a chiunque abbia bisogno, indipendentemente dalla religione, dal colore della pelle o dall’origine. L’Albania è una delle rare terre in Europa, oggi dove non esistono pregiudizi religiosi e odio, anche se gli stessi albanesi credono in diverse religioni.

Nei 100 anni di Tirana, la capitale, i tiranesi si sono solidarizzati due volte: con gli ebrei nella seconda guerra mondiale e con i fratelli kosovari, durante la guerra in Kosovo, negli anni del genocidio serbo.” ha detto il sindaco

La cerimonia di inaugurazione del memoriale dell’Olocausto nel Parco Nazionale di Tirana ha riunito tutti i rappresentanti delle comunità religiose in Albania.

Rappresentanti delle comunità religiose in Albania

Per dimostrare la determinazione che l’Albania aveva in difesa degli ebrei, il Primo Ministro Edi Rama ha raccontato  la storia del clero albanese, che all’epoca era considerato parte negoziale con gli occupanti. I tedeschi chiesero al clero albanese il diritto sull’oro albanese e l’elenco degli ebrei. Rama disse che la loro risposta fu: l’oro sì, gli ebrei no!

Per non perdere gli articoli di Albania News seguiteci su Google News

Discussione su questo articolo