CuriositàStoria

Guglielmo di Wied: come i francobolli segnano il regno turbolento del Principe d’Albania

Guglielmo di Wied è stato sovrano del principato di Albania dal 7 marzo al 3 settembre 1914 e formalmente fino al 31 gennaio 1925

Anche se regnò come Principe Vidi I dell’Albania per pochi mesi, dal 7 marzo al 3 settembre 1914, il principe Guglielmo di Wied lasciò un’impatto duraturo sui francobolli albanesi.

Principe D'Albania Guglielmo Di Wied
Principe Guglielmo di Wied, Principe d’Albania (tedesco: Wilhelm Friedrich Heinrich; albanese: Princ Vidi o Princ Vilhelm Vidi)

Guglielmo è nato il 26 marzo 1876, nel castello di Neuwied , vicino a Coblenza, nella Renania prussiana. Era il terzo figlio di Guglielmo V, principe di Wied.

Suo padre era il fratello della Regina Elisabetta di Romania , e sua madre era la sorella della Regina Louise di Svezia . Egli era anche strettamente legato alle famiglie dominanti della Prussia e dei Paesi Bassi.

L’Albania, ultimo paese in Europa governato dall’Impero Ottomano, è diventato indipendente nel 1912.

Gli austriaci cercavano soprattutto di privare i serbi. Gli italiani lo hanno voluto per loro e temevano che Austria l’avrebbe ottenuto. I Greci volevano estendere il loro confine a nord. La Russia, la Francia e la Gran Bretagna erano troppo lontane per desiderarla direttamente.

Gli albanesi erano l’unico popolo cristiano d’Europa a convertirsi all’Islam dopo essere stati conquistati dai turchi. Hanno servito bene agli ottomani come soldati e amministratori.

Negli scontri tra gli ottomani e le nazioni emergenti greche e slave attorno a loro, gli albanesi si sono schieratti con fermezza e con entusiasmo con l’Impero Ottomano.

Dopo lunghi anni di dominio ottomano, l’Albania era indiscutibilmente la nazione più arrettrata e meno sviluppata in Europa. Le lealtà erano tribali e familiari, e la principale causa di morte tra i maschi adulti era il feudo di sangue.

Avendo rimosso in gran parte l’Albania dalla presa degli ottomani, le grandi potenze savano valutando chi potesse guidare il Paese delle Aquile. Fu a questo punto che la regina Elisabetta, consorte del Re Carol I della Romania , pensava al nipote, Guglielmo.

L’Albania nel maggio del 1913, con la pace di Londra, fu dichiarata un Principato ereditario e il potere venne affidato a Guglielmo di Wied. Le potenze europee (Germania,Inghilterra, Francia, Italia, Austria, e Russia), pur accettando l’indipendenza, posero alcune condizioni che resero estremamente precario l’equilibrio futuro del paese.

Con il protocollo di Firenze del 17 dicembre 1913, alcune regioni non vennero riconosciute all’interno dei confini nazionali: il Kosovo fu assegnato alla Serbia e la regione costiera dell’Epiro (Ciamuria ) alla Grecia, per cui metà della popolazione albanese rimase fuori dai confini.

All’epoca, il 37enne Guglielmo era un capitano nello stato maggiore tedesco. Come tedesco luterano, non era né Gheg, né Tosk, né sunnita né sciita, né ortodossa né cattolico romano e sarebbe probabilmente in grado di affrontare equamente tutti gli elementi della popolazione albanese.

Nel novembre del 1913, le grandi potenze persuasero Guglielmo, nonostante i suoi gravi dubbi, ad accettare il trono e al governo provvisorio albanese di accettarlo come principe d’Albania.

Guglielmo è arrivato il 7 marzo 1914 a Durazzo, poi capitale dell’Albania, ed è stato coronato con adeguata pompa e circostanza.

Arrivo a Durazzo del principe Guglielmo d'Albania e della moglie, la principessa Sofia, 7 marzo 1914
Arrivo a Durazzo del principe Guglielmo d’Albania e della moglie, la principessa Sofia, 7 marzo 1914

Un set di sei francobolli albanesi Skanderbeg è stato stampato con la data per commemorare l’arrivo del principe.

Un francobollo di Skanderbeg 2-qintar per commemorare l'arrivo del principe Guglielmo di Wied in Albania
Un francobollo di Skanderbeg 2-qintar per commemorare l’arrivo del principe Guglielmo di Wied in Albania

Non molto tempo dopo, è stato prodotto un set molto attraente di sette francobolli incisi di Principe Vidi I.

Il tempo di Guglielmo di Wied sul trono però non è durato a lungo affinché questi francobolli fossero emessi.

Un francobollo inedito dedicato al Principe Vidi I preparato nel 1914 ma mai emesso
Un francobollo inedito dedicato al Principe Vidi I preparato nel 1914 ma mai emesso

Alcuni dei francobolli non entrati in circolazione entrarono nel mercato filatelico. Non sono elencati nel catalogo specializzato di Scott Classic dei timbri di copertine del 1840-1940 del 2017, ma l’insieme di sette francobolli in condizioni di cerniere inutilizzate si vende per circa 30 dollari.

Senza un esercito nazionale, il controllo del governo in Albania non sorpassava i limiti della città di Durazzo. E l’autorità di Guglielmo nel paese non si estendeva molto oltre la propria residenza reale.

I leader locali rivali e gli agenti greci e italiani hanno usato la loro forza e la corruzione per minaciare il trono di Guglielmo.

A un certo punto, Guglielmo mise una batteria di artiglieria nel giardino del palazzo e sparò nella residenza del proprio Ministro di Guerra e degli Interni, dopo aver scoperto che era segretamente nell’impiego dell’Italia. La Grecia ha usato il caos come scusa per occupare la parte meridionale del paese.

Con l’inizio della Prima Guerra Mondiale nell’agosto del 1914, le Grandi Potenze ritirarono le loro truppe; e la gendarmeria olandese, su cui Guglielmo dipendeva per difendere il palazzo, fu richiamato nei Paesi Bassi. Guglielmo non aveva altra scelta ma di fuggire dal paese, che fece il 3 settembre 1914.

Anche se non era più in Albania, Guglielmo di Wied non ha abdicato al trono. L’Albania tecnicamente rimase una monarchia con lui come capo di stato fino a quando non fu dichiarata repubblica il 1 gennaio 1925.

Nel 1920, tutti i francobolli sono stati sovrastampati “Shkodra” (Scutari) con il simbolo nazionale albanese dell’aquila bicefale che obliterano il viso di Guglielmo di Wied.

Francobolli sovrastampati "Shkodra" (Scutari) con il simbolo nazionale albanese dell'aquila bicefale che obliterano il viso di Guglielmo di Wied
Francobolli sovrastampati “Shkodra” (Scutari) con il simbolo nazionale albanese dell’aquila bicefale che obliterano il viso di Guglielmo di Wied

Quando ha lasciato l’Albania, Guglielmo si è trasferito in Romania. Se fosse rimasto lì e servito con i rumeni quando si unì agli alleati, sarebbe riuscito a recuperare il suo trono dopo la guerra. Ma le sue simpatie per la Germania erano troppo forti.

Avendo una ruolo nell’esercito tedesco con il titolo “Conte di Kruja”, ha servito sul fronte occidentale fino alla resa tedesca. Dopo la guerra, Guglielmo si ritirò a Sinaia, in Romania, dove visse fino alla sua morte il 18 aprile 1945.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’Albania è entrata in una lunga tirannia comunista, non emergendo fino al crollo generale del comunismo europeo nel 1991. Quando gli albanesi si accingevano a recuperare la loro storia e la cultura pre-comunista, riscoprirono Guglielmo di Wied.

Il 30 agosto 2004, l’Albania ha pubblicato una serie di due stampe “90th Anniversary of Prince Wilhelm zu Wied Appointed Ruler of Albania”.

Guglielmo Di Wied Nei Francobolli Del 2004
Guglielmo di Wied nei francobolli del 2004

Dieci anni dopo, il 19 dicembre 2014, l’Albania ha messo in circolazione altri quattro francobolli, per commemorare il centenario dell’incoronazione del Principe Vidi I.

Commemorazione del centenario dell'incoronazione del Principe Guglielmo di Wied
Commemorazione del centenario dell’incoronazione del Principe Guglielmo di Wied

Potrebbe interessarti anche

Argomenti
Visualizza tutto

commenti su “Guglielmo di Wied: come i francobolli segnano il regno turbolento del Principe d’Albania”

Potrebbe interessarti anche