Scanderbeg: L’Eroe d’Albania che i Turchi paragonavano ad Alessandro Magno

Il magazine culturale spagnolo "La Brujula Verde" dedica un articolo alla gloriosa vita dell’eroe Giorgio Castriota Scanderbeg

Il magazine culturale spagnolo “La Brujula Verde” ha dedicato un articolo alla gloriosa vita dell’eroe Giorgio Castriota Scanderbeg.

Il focus iniziale è dedicato alla biografia giovanile dell’eroe e all’origine del suo soprannome (Skënderbeu): le sue vittorie, infatti, portarono gli ottomani ad affibbiargli l’etichetta di ‘İskender bey’, ovvero Alessandro Magno, alludendo ovviamente al famoso eroe.

Tra i tanti riconoscimenti ricevuti per Giorgio Castriota, c’è anche quello di ‘sipahi’ (cavaliere) da parte del sultano ottomano Murad II.

Giorgio Castriota Scanderbeg 5

Lo stratagemma per riprendere possesso dei territori albanesi

Dopo 20 anni di servizio per gli ottomani, l’eroe si schiera con l’esercito ungherese e con un’astuta tattica riesce a riprendere possesso del territorio albanese (Croia, Petrela, Guri i Bardhë ecc.) nel 1433: falsifica una lettera di Murad II ed assieme a 300 albanesi innalza sulla città di Croia la bandiera rossa con l’aquila a due teste nera, simbolo della famiglia Castriota.

Giorgio Castriota Scanderbeg 04

La modifica del soprannome

L’esercito di Scanderbeg era di etnie miste ma di religione cristiana; l’eroe, infatti, si era convertito. Questo, la creazione della lega di Alessio (Lezhë) e il passaggio precedente all’esercito ungherese, portò gli ottomani a risoprannominarlo ‘Hain Iskender’, Alessandro traditore.

Giorgio Castriota Scanderbeg 3

L’accordo con il Papa, la resistenza, la morte

La nuova avanzata turca lo costrinse per un periodo a rifugiarsi a Ragusa. Lì riuscì a convincere il Papa a venire in suo aiuto e rafforzò i rapporti con gli Aragonesi firmando il trattato di Gaeta, che riconosceva la sovranità di Alfonso V sulla regione in cambio di aiuti militari.

Papa, Aragonesi e Scanderbeg che, dopo la caduta di Costantinopoli, guidarono una crociata (Berat 1454) letteralmente sterminata dall’esercito veneziano che in quegli anni era in conflitto con gli Aragonesi.

Giorgio Castriota Scanderbeg 4

Ciò diede fiducia all’esercito ottomano ma il loro nuovo assalto fu nuovamente respinto dall’esercito albanese di Scanderbeg, il quale nel frattempo, a causa di divergenze interne negli Aragonesi, si era alleato con i veneziani.

La battaglia definitiva per scacciare gli Ottomani non avvenne mai, o meglio, avvenne ma non sotto la guida di Giorgio Castriota, morto nel 1468 a causa della malaria. Dieci anni dopo, nel 1478, gli ottomani riuscirono ad entrare nella roccaforte Croia.

Giorgio Castriota Scanderbeg 9

L’articolo originale è consultabile in spagnolo al “LA Brujula Verde”  pubblicato il 17 Febbraio 2018 .

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close