Musica

Financial Times: Ipnotizzato dal suono del Balkan Blues

Il produttore Joe Boyd sotto l'incantesimo della musica albanese nel suo ultimo progetto

Financial Times: Joe Boyd, il produttore che ha lanciato la carriera dei Pink Floyd, sotto l’incantesimo della musica antica albanese.

Joe Boyd, il produttore che ha lanciato la carriera dei Pink Floyd, ha avuto un anno molto impegnativo. Ora 75 anni, il celebre produttore discografico nato a Boston sta promuovendo nuovi artisti.

Saziso Album“At Least Wave Your Handkerchief At Me” è un incredibile album di Saz’iso, un ensemble di musica tradizionale albanese. Boyd ha co-prodotto l’album di debutto di Saz’iso con due donne – una delle quali, Andrea Goertler, divenne sua moglie nel processo. La coppia è in tour con Saz’iso per tutta la Gran Bretagna nel mese di novembre. Questo è, afferma Boyd, la prima volta che dei musicisti albanesi abbiano mai fatto un tour nel Regno Unito.

Considerando la musica meravigliosa e spettacolare contenuta nell’album “At Least Wave Your Handkerchief At Me”, il pubblico è in un trattamento davvero esotico.

“Più conosco la musica albanese, più la sua ricchezza, sottigliezza e bellezza scorrono” dice Boyd. “È molto ipnotica e affascinante – come l’Albania stessa. Dai un’occhiata in giro e pensi di averla capita e poi ti prendi il tuo tempo e scopri che è molto più profondo di quanto tu originariamente immaginassi. Le storie di tutte queste canzoni sono straordinarie – delle persone che devono lasciare e il modo in cui viene espresso il loro dolore“.

Saz’iso riproduce la musica antica Saze del Sud dell’Albania, una tradizione popolare balcanica che risale a tempi immemorabili. Una prima voce viene echeggiata da un secondo; insieme queste voci raccontano storie di perdita e tradimento, di migrazione e omicidio, di giovani che si tormentano per il loro amato in un altro villaggio e pastori alla misericordia dei banditi. Clarinetto, liuto e violino assistono le voci mentre il dajre (tamburello) offre ritmi complessi – nel Paese delle Aquile, gli albanesi uniscono le mani e danzano.

Saz’iso raccoglie nove dei migliori cantanti e strumentisti albanesi per eseguire una musica a forma di isolamento e perdita. È un blues balcanico come nessun altro.

Sotto il dominio stalinista dittatoriale di Enver Hoxha, dal 1944 al 1985 l’Albania era lo stato più isolato dell’Europa. Viene presentata nei media a causa di un elevato numero di immigrati clandestini e di bande criminali che scendono dalle sue sponde all’Europa occidentale.

Pertanto, per una nazione con meno di tre milioni di persone, l’Albania possiede una reputazione temibile, in particolare come una terra di feudali di sangue. La speranza di Boyd e Goertler è che Saz’iso andrà in qualche modo ad aprire gli occhi del pubblico alla bellezza della cultura popolare in Albania.

“L’Albania è meravigliosa”, afferma Boyd. “La prima volta che ho visitato – per partecipare ad un festival della musica popolare albanese del sud – non avevo idea di cosa aspettarmi. Quello che ho trovato era gente amichevole e una notevole scena musicale tradizionale”. Goertler, che sta a Tirana, aggiunge: “il movimento di Slow Food ha colpito l’Albania fin da ora, mentre gli chef sono tornati dall’estero, quindi è un ottimo posto dove mangiare.”

Joe Boyd
Joe Boyd

L’isolamento dell’Albania durante il comunismo – tutti i legami sono stati tagliati con le altre nazioni, anche con la Russia e la Cina – significava che poco della sua musica è stata precedentemente ascoltata. Boyd osserva che il regime di Enver Hoxha ha finanziato tradizionali gruppi di musica popolare albanese e danza nei villaggi e nelle fabbriche rurali, ma le registrazioni non erano disponibili, poiché, sotto il regime comunista, anche l’energia elettrica era razionalizzata.

Dopo aver seguito un festival folkloristico a Gjirokastër (Argirocastro), una delle città storiche del sud dell’Albania, Boyd è diventato determinato a riparare questo torto. Lavorando con Goertler e Edit Pula, ha riunito un gruppo di cantanti e musicisti per formare Saz’iso. Non che fosse facile: due superbi cantanti femminili stavano lavorando come adetti alle pulizie ad Atene, mentre altri musicisti raramente si esibivano, poiché i loro compagni albanesi avevano abbracciato il frutto proibito del pop-rock. Tuttavia, i tre produttori hanno perseverato, lanciando una campagna kickstarter per raccogliere i fondi per registrare “At Least Wave Your Handkerchief At Me”.

“Le cose sono cambiate enormemente nell’industria musicale”, dice Boyd. “Quale etichetta discografica avrebbe messo i soldi? La nostra dote matrimonio è andata nella registrazione. Fare una kickstarter è stata una lotta e poi ho chiesto l’aiuto alla comunità rock’n’roll e che ci ha spinti oltre la linea. Abbiamo poi trovato Glitterbeat Records, un’etichetta tedesca-slovena che sono stati molto entusiasti di gestire Saz’iso”

Con Ry Cooder già a bordo, lodando “questo album di anima profonda dall’Albania del Sud“, sembra che Boyd sta nuovamente scoprendo e producendo musica eccezionale.

Saz’iso tour del Regno Unito, 1-11 novembre, il calendario completo lo trovate in questo link . “At Least Wave Your Handkerchief At Me” è già in vendita presso Amazon

Potrebbe interessarti anche

Argomenti
Visualizza tutto

commenti su “Financial Times: Ipnotizzato dal suono del Balkan Blues”

Potrebbe interessarti anche