Racconto d’amore – l’Albania del 1990 di Sonila Strakosha

Un libro che porta indietro nel tempo, nostalgico, e con l’intento di intrattenere il lettore fino all’ultima pagina

Sonila Strakosha racchiude tra le pagine del suo racconto tutti gli ingredienti per una travolgente storia d’amore. Lei, Bora, una ragazza dolce, capace di trovare gioia anche nell’angolo più buio. Lui, Alban, con la rivoluzione nel sangue. L’altra, Emona, una vecchia storia pronta a mettersi d’intralcio. Le immancabili complicazioni: una società scossa dalle rivolte e una sparatoria di tabù radicati nella mentalità popolare.

Racconto d’amore descrive l’Albania del 1990. Un Paese imprigionato dalla dittatura del Partito-Governo, dove non esiste alcun tipo di differenza tra i cittadini, così come non è concessa nessuna forma di libera scelta. Le abitazioni, il posto di lavoro, il modo di vestire, persino le vacanze estive. Tutto è predefinito e assegnato dallo Stato.

Racconto d'amore
  • Sonila Strakosha
  • Editore: Europa Edizioni
  • Copertina flessibile: 308 pagine

È l’estate del 1990 in Albania. Bora e Alban si conoscono sulla spiaggia. Sono vicini di “cabina”, la casetta di legno assegnata alle loro famiglie dallo Stato per trascorrere quindici giorni di vacanza.

Bora è una ragazza giovane di diciotto anni, tranquilla e sognatrice, e Alban un ventenne dal carattere forte e passionale, sofferente di vivere in un Paese chiuso e sotto un regime dittatoriale. Esprime apertamente il suo senso di disaggio e la voglia di apertura all’occidente.

Nel frattempo da Tirana (capitale dell’Albania) arrivano notizie confuse su una rivolta estesa ad un gran numero di cittadini che con forza hanno spalancato i muri delle Ambasciate Straniere con la speranza di rifugiarsi nel loro interno. Il popolo è stanco e desolato dalla privazione della propria libertà di espressione. Il regime non è più in grado di garantire neanche un adeguato tenore di vita.

Parte del cibo è razionata e si può comprare solamente se si è provvisti di un tesserino assegnato ad ogni famiglia.

Sono tempi duri dove l’assenza della libertà di parola e la scarsità delle condizioni di vita, iniziano a pesare irrimediabilmente sulle coscienze popolari.

Dopo un primo approccio passionale che ha inizio nella zona marina dove alloggiano per trascorrere le vacanze, i due ragazzi, avranno modo di incontrarsi nuovamente a Tirana, dove appunto risiedono. Avrà inizio una bella storia d’amore destinata a scontrare tanti ostacoli e confrontarsi con i tanti dubbi e gli innumerevoli preconcetti dell’epoca.

Nel libro si raccontano i fatti accaduti nell’anno difficile in cui iniziarono le prime ribellioni dei giovani studenti, che portarono poi all’inevitabile caduta della dittatura comunista e l’inizio dei primi esodi albanesi verso le coste italiane.

Un opera che narra con spirito critico i fatti della “primavera albanese”. Il tutto viene raccontato attraverso una tenera storia d’amore. Si parla anche dei tanti tabù e i troppi pregiudizi ancora radicati nella mentalità popolare.

Una storia d’amore che fa emozionare. Un racconto che vale la pena leggere anche per ricordare un periodo difficile, di cui in Italia si sa poco. La giovane generazione degli albanesi (per fortuna) non ha avuto modo di conoscere le difficoltà scontrate, in un vissuto in cui mancava la libertà di parola e il tutto era limitato e ridoto all’interno dei propri confini, senza la possibilità di oltrepassare certi preconcetti, senza la possibilità di attraversare il mare.

Nel libro si raccontano le condizioni socio- politiche di una nazione in quel periodo molto vicina geograficamente all’Italia, ma al tempo stesso molto lontana, irraggiungibile. Un sogno! E che per sfiorarla si era disposti anche a morire.

Un libro che porta indietro nel tempo, nostalgico, e con l’intento di intrattenere il lettore fino all’ultima pagina.

Acquista libro su Amazon

Racconto d'amore
  • Sonila Strakosha
  • Editore: Europa Edizioni
  • Copertina flessibile: 308 pagine
Racconto Amore Sonila Strakosha Opt

Argomenti
Close