Irish Times: i sei mesi di regno del principe Guglielmo I d’Albania

Prima della guerra mondiale, nei primi mesi del 1914, l'Albania fu governata dal principe tedesco Guglielmo I.

Nel corso della storia alcuni monarchi sono stati uccisi, altri sono cacciati dal trono e altri  ancora costretti all’esilio. Ma sono pochi coloro che hanno subito l’umiliazione vissuta dal principe Guglielmo I d’Albania, incoronato primo re del paese nel febbraio 1914.

All’inizio del 1914 le nuvole di guerra si stavano radunando in Europa. Le grandi potenze – Austria-Ungheria, Gran Bretagna, Francia, Russia, Germania e Italia – cercarono di evitare la diffusione dei conflitti nei Balcani inferiori creando, fuori dal crollo dell’Impero ottomano, il nuovo stato autonomo albanese.

Un nuovo stato non potrebbe esistere senza un re, per questo iniziarono i primi sondaggi tra le famiglie reali d’Europa. Alla fine la scelta ricadde su William (Guglielmo) Frederick Henry of Wied, un nobile tedesco, ritenuto adeguato per l’incarico.

La figura di Duncan Heaton-Armstrong

È qui che la figura spavalda di Duncan Heaton-Armstrong entra in gioco. Nonostante fosse nato in Austria, Heaton-Armstrong aveva forti legami con l’Irlanda, poiché discendeva da parte di padre proprio da lì.

“Stavo girando con un cugino in Prussia quando la questione albanese si è fatta acuta”, scrive Heaton-Armstrong nel suo libro sull’Albania ( The Six Month Kingdom , IB Tauris Books).

Fece domanda per il lavoro di segretario privato del nuovo re albanese. Fluente in diverse lingue europee e, come protestante irlandese, considerato neutrale nei Balcani, Heaton-Armstrong sbarcò come parte dell’entourage reale nel porto albanese di Durazzo nel marzo 1914.

All’inizio le cose andarono bene: il nuovo re e la sua famiglia, insieme a Heaton-Armstrong e un maggiordomo inglese, un cameriere arabo e servi tedeschi, si stabilirono in un palazzo a Durazzo.

I primi problemi e la fine del regno

Ma non passò molto tempo prima che le faide e gli scontri tra fazioni locali disturbassero la vita reale. La maggioranza musulmana era risentita per il fatto che uno straniero – e un cristiano – li comandasse.

Il principe era indeciso e aveva paura ad abbandonare il suo palazzo. Inoltre, non conosceva i modi e i costumi albanesi. La lingua si rivelò impossibile, anche per il plurilingue Heaton-Armstrong.

Heaton-Armstrong si affidò al fratello Jack, un ex soldato, per aiutare a combattere gli insorti e i briganti. Un esercito di tedeschi, italiani, olandesi, britannici e altri furono coinvolti in alcuni sanguinosi combattimenti. L’unica imbarcazione che comprendeva la marina albanese – un piccolo piroscafo noleggiato da una compagnia di navigazione austriaca – rimase bloccata su un banco di sabbia.

L’entusiasmo per la nuova monarchia albanese tra i governanti europei fu di breve durata; con il passare dei mesi del 1914, la diplomazia si fermò e i preparativi per la guerra guadagnarono terreno.

Le forze ribelli si spostarono sempre più vicino al palazzo e così, nell’agosto del 1914, Heaton-Armstrong lasciò l’Albania per accompagnare i due figli reali in Germania. Nonostante avesse tutti i documenti necessari, fu arrestato a Monaco, ed è considerato per questo il primo prigioniero della prima guerra mondiale.

Successivamente fu scambiato in uno scambio di prigionieri, mentre durante la seconda guerra mondiale gestì un campo di prigionia per gli italiani nell’Herefordshire. Heaton-Armstrong è morto, all’età di 82 anni, nel 1969.

E il re Guglielmo? Lasciò il suo regno – che durò appena sei mesi – all’inizio del settembre 1914. Fino alla sua morte, 30 anni dopo, William era convinto che un giorno avrebbe riconquistato il suo trono balcanico.

Ma non fu così; nel 1928 fu proclamato re Zog I, il quale adottò gran parte dell’armamentario del regno di Guglielmo. Poi, dopo la seconda guerra mondiale, iniziò il regime stalinista di Enver Hoxha.

L’articolo è stato originariamente pubblicato su The Irish Times

I sei mesi di regno del principe Guglielmo I d’Albania

Princ Vidi: Shqipëria, Gjashtë Muaj Mbretëri
  • D. Heaton Armstrong
  • Editore: Createspace Independent Pub
  • Edizione n. 3 (09/16/2014)
  • Copertina flessibile: 218 pagine
Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close