La riforma giudiziaria e il processo d’integrazione dell’Albania: intervista ad Alberto Cutillo

L'ambasciatore italiano a Tirana, Alberto Cutillo, ha rilasciato una lunga intervista a Albanian Daily News dove ha affrontato numerose tematiche, come la riforma del sistema giudiziario e il processo d'integrazione dell'Albania.

In un’intervista per l’Albanian Daily News, l’Ambasciatore Cutillo ha parlato del lavoro quotidiano dell’Ambasciata nel periodo estivo, del percorso europeo dell’Albania in quello che si prospetta un anno “particolarmente impegnativo, ma potenzialmente gratificante” e della “continuità” della politica estera italiana sui Balcani Occidentali.

In particolare sull’ambiziosa riforma giudiziaria in corso in Albania, l’Ambasciatore ha svolto un’analisi sugli aspetti che destano preoccupazione e che meritano maggiore attenzione nel prossimo futuro.

Intervista a Alberto Cutillo, Ambasciatore d’Italia a Tirana

Signor Ambasciatore, iniziamo questa conversazione con la stagione estiva: per la prima volta, agenti di polizia albanesi e italiani pattuglieranno assieme in diverse località turistiche albanesi spesso visitate da cittadini italiani. Ha qualche informazione su come procede questa cooperazione?

Il turismo sta rapidamente salendo in Albania, così come il numero di visitatori italiani, che ha già raggiunto i 140.000 alla fine di Giugno, con un aumento del 6,6% rispetto allo scorso anno. Per far sentire loro ancora più a casa, i ministri degli interni dei nostri paesi hanno firmato un accordo che prevede la presenza di sei agenti di polizia italiani che fino a fine Agosto, assieme ai loro colleghi albanesi, pattuglieranno aree con alta presenza di turisti italiani. La loro funzione è quella di sostenere i cittadini italiani coinvolti in incidenti automobilistici o che sono vittime di microcriminalità. In questo momento ci sono ufficiali italiani anche in Cina, Croazia, Francia, Spagna e Polonia.

Passiamo al suo lavoro quotidiano in questi caldi giorni di Agosto e, naturalmente, alle sue vacanze. Si sta preparando per una stagione culturale colorata in autunno…

Le ambasciate non vanno mai in vacanza, perché quando un settore è più tranquillo, un altro è più occupato. All’interno delle attività dell’ambasciata italiana, il settore consolare rimane un settore importante ed esigente. In particolare, l’interesse degli studenti albanesi disposti a frequentare le università italiane è notevole: finora sono stati iscritti 478 studenti, molti dei quali godono del sostegno delle borse di studio italiane. Vorrei anche sottolineare il monitoraggio quotidiano della presenza italiana in Albania, che ci consente di rispondere in tempo reale in caso di emergenze. Per quanto riguarda la stagione culturale in autunno, sono piuttosto orgoglioso del programma #vivereallitaliana 2018 che stiamo ultimando in questi giorni estivi. Non voglio rivelare i dettagli, ma proporremo al pubblico albanese una settimana unica di lingua e cucina italiana, accompagnata da un ricco calendario di eventi teatrali, musicali e di danza.

Dal momento che stiamo parlando degli studenti albanesi in Italia e, naturalmente, degli immigrati, cosa ci può dire sull’uso della lingua italiana in Albania?

L’italiano è la quinta lingua straniera più studiata al mondo e l’Albania si classifica all’ottavo posto per numero di studenti, dopo paesi con una popolazione molto più grande come Stati Uniti, Argentina, Australia, Francia, Germania, Egitto. Il ministero albanese dell’istruzione ha confermato quest’anno che circa 73.500 studenti albanesi stanno imparando l’italiano nelle scuole pubbliche albanesi, esclusi gli studenti che frequentano scuole professionali e istituti cattolici. Complessivamente, l’italiano è la seconda lingua straniera più studiata in Albania dopo l’inglese. La promozione della lingua italiana è una priorità per noi poiché la consideriamo un veicolo unico per approfondire le già strette relazioni tra i nostri cittadini, così come i nostri rapporti economici e culturali.

Signor Ambasciatore, l’Italia ha un nuovo governo di coalizione da giugno, con un profilo chiaramente diverso per quanto riguarda le relazioni internazionali. All’inizio, c’era preoccupazione per la posizione di Roma nei confronti dell’Albania. Potrebbe approfondire questo problema?

La parola che continuo a ripetere è “continuità”. Fin dalle sue prime visite all’estero, il ministro degli esteri italiano, Enzo Moavero Milanesi, ha avuto l’opportunità di riaffermare i vincoli di amicizia e la volontà di rafforzare le relazioni economiche tra l’Italia e i paesi dei Balcani occidentali. Al Consiglio  degli Affari generali di giugno, il suo strenuo sostegno alla via europea dell’Albania ha svolto un ruolo chiave nel compromesso finale adottato dal Consiglio, come ha riconosciuto il primo ministro Rama. Grazie alla determinazione italiana e greca, il Consiglio ha adottato conclusioni che riaffermano chiaramente l’impegno dell’UE nei confronti del processo di allargamento e indicano il cammino verso l’apertura dei negoziati di adesione con l’Albania nel 2019.

Come vede l’itinerario rimanente fino all’anno prossimo, quando l’Albania spera di ricevere l’apertura dei negoziati di adesione con l’UE?

L’Albania ha ora una data e un programma chiaro. Nel prossimo anno, il paese deve consolidare le riforme in tutti i settori prioritari chiave, anche se credo che gli Stati membri presteranno particolare attenzione alla riforma giudiziaria e alla lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata. Parallelamente, l’amministrazione albanese inizierà a impegnarsi con la Commissione europea nella fase di screening della legislazione nazionale in vista dell’apertura di negoziati su capitoli specifici. Sarà un anno molto impegnativo, ma sono fiducioso.

Il principale argomento politico di Tirana è e rimarrà per un bel po ‘di tempo, la riforma del sistema giudiziari e il processo di controllo. Come procede questo processo secondo lei, signor ambasciatore?

Due anni fa, il parlamento albanese ha adottato – per consenso – una profonda riforma costituzionale, che ha aperto la strada a una riforma delle istituzioni giudiziarie molto ambiziosa e molto necessaria. Gli albanesi dovrebbero essere orgogliosi dei risultati raggiunti finora. A mio avviso, ci sono tre dimensioni di questo processo, che meritano un’analisi più approfondita. Innanzitutto, ritengo che il processo di selezione proceda bene e in base alle disposizioni legali pertinenti. Poiché si tratta di un progetto a lungo termine, sarebbe prematuro definirlo un successo, ma i primi mesi di operazioni hanno prodotto una serie di decisioni importanti, che offrono un contributo fondamentale a una radicale rigenerazione di tutte le istituzioni giudiziarie. Mi aspetto che, dopo la pausa estiva, l’attenzione si sposterà in parte dalla Commissione di qualificazione indipendente alla Camera di ricorso, che prenderà in considerazione una serie di casi importanti.

In secondo luogo, su altri elementi principali della riforma della giustizia – oltre al processo di valutazione – anche il mio personale apprezzamento dei progressi compiuti finora è positivo, ma con alcune preoccupazioni. Mi riferisco in particolare alla creazione tempestiva di nuovi organi giudiziari, secondo la Costituzione. Penso sia giusto riconoscere che in diverse situazioni ci sono notevoli ritardi rispetto alle disposizioni legali e alle aspettative collettive. Questi ritardi sono il risultato di procedure che, nel mondo reale, si sono dimostrate più complesse di quanto sembrino essere sulla carta. Mi riferisco, tra l’altro, alla creazione di organismi quali l’Alto Consiglio dei Procuratori, l’Alto Consiglio giudiziario, il Consiglio per le nomine di giustizia, la Procura speciale e il relativo Ufficio nazionale di inchiesta. Capisco che per alcuni di loro l’installazione potrebbe aver luogo nel corso dell’anno, mentre per alcuni è difficile in questa fase fissare una data affidabile.

In terzo luogo, e questa è l’area che ritengo richieda la massima attenzione, alcune istituzioni fondamentali, come la Corte costituzionale e la Corte suprema, sono temporaneamente impossibilitate a funzionare. Allo stesso modo, la scuola dei magistrati non ha l’autorizzazione per iscrivere un numero adeguato di studenti. È urgente trovare un modo per affrontare questi problemi, poiché non stanno solo ritardando la piena attuazione della riforma della giustizia (come nel caso dell’installazione dei nuovi organismi), ma creano un vuoto istituzionale nel paese, che è potenzialmente dannoso per tutti i cittadini.

In una recente intervista, il Presidente della Repubblica ha espresso la sua seria preoccupazione per questa situazione e ha rivolto un appello sia alla maggioranza che all’opposizione affinché collaborino per affrontarlo, una preoccupazione e un appello che condivido pienamente. Sappiamo tutti che l’opposizione è stata molto critica per l’attuazione della riforma della giustizia fino ad ora.

Recentemente, il Partito Democratico ha presentato una serie di proposte specifiche per affrontare le presunte carenze. Spero che la maggioranza prenda in considerazione l’idea di aprire una discussione seria con l’opposizione per cercare un terreno comune. A tale riguardo, sono incoraggiato dal riferimento che il Primo Ministro ha reso in un’intervista pochi giorni fa a rendere pubblica a settembre una piattaforma di cooperazione aperta a ulteriori proposte provenienti da tutte le parti. Non so se si riferiva specificamente alla riforma della giustizia, ma penso che sarebbe un passo positivo se quella piattaforma includesse questo problema cruciale.

Abbiamo visto a luglio 2016, e di nuovo a maggio dello scorso anno, i partiti politici albanesi, di fronte a sfide sistemiche, sono in grado di trovare un compromesso politico per il bene del Paese. Sono fiducioso che ciò accadrà di nuovo al fine di consolidare i progressi della riforma della giustizia.

L’articolo è stato originariamente pubblicato su Albanian Daily News dal titolo “Hopes and concerns on justice reform” 

Argomenti

Potrebbe interessarti anche

Close