La musica a Valona: l'iso-polifonia labe, melodie da notte dei tempi

Un’esperienza culturale straordinaria, più di qualsiasi visita a un museo, è imbattersi nelle strade di Valona in un gruppo di cantori che si esibiscono, magari con i loro vestiti tradizionali, nello stile musicale dell’iso-polifonia labe, protagonista anche di molti concerti organizzati in città.

220
Condivisioni

Riconosciuto dall’Unesco come patrimonio della cultura orale e immateriale dell’umanità, questo canto albanese a più voci, caratteristico del Sud e dell’intera Toskëria, si irradia dalla regione storica della Labëria, che ha in Valona la sua capitale culturale e spirituale. Rispetto ad altre espressioni dell’iso-polifonia, quella della Labëria raggiunge vertici unici con i suoi canti a quattro parti, eccezionalmente complessi.

Isopolifonia Labe

Dell’origine di questo stile musicale che può coinvolgere due, tre o quattro voci più l’iso, un ronzio accompagnatore simile a un belato, si è molto discusso. Certamente siamo di fronte a una forma di canto corale che risale agli albori dell’umanità, legata soprattutto alle prime tradizioni musicali delle culture pastorizie.

Nella cultura orale, e in genere nella società albanese fino ai primi del ’900, cantare labçe era addirittura sinonimo di legiferare o di consacrare: il canto conteneva valori indiscussi. Spesso, la forza e il potere dei canti era tale da portare in trance: tanto che, come racconta Kadare, quando in guerra si doveva intervenire chirurgicamente senza anestesia su qualcuno, si usava coinvolgerlo nel canto labe e nell’iso per non fargli sentire dolore.

Vaji i të vdekurit

Legato alla cultura canora tradizionale della regione, e di straordinaria importanza, è anche il Vaji i të vdekurit, cioè “il piangere il morto” o, come spesso si dice, “cantare il morto”.

La tradizione vuole che il “pianto cantato” del morto provenga dalla voce di una donna, mentre nel Nord il morto viene pianto dagli uomini. Qualcosa di simile è esistito fino a poco tempo fa, con il nome di “pianto greco”, nella cultura meridionale italiana; diversamente da questo, tuttavia, il pianto cantato del Sud dell’Albania assume forme che si possono definire istituzionali, tanto che proprio per via della sua presenza il funerale viene definito in quella regione un vero e proprio “matrimonio” capovolto.

Cultura poetica e letteraria: al di là della dimensione musicale e melodica, le canzoni della Labëria e il pianto cantato portano con sé un valore culturale inestimabile anche, e forse in primo luogo, nella loro componente letteraria, nella loro ricchezza lessicale ed espressiva. Tra i testi intonati nelle forme musicali tradizionali se ne trovano alcuni di raro pregio, accostabili per ricercatezza ai componimenti dei più grandi poeti albanesi.

Valona, la guida completa

Eventi, arte e cultura

La guida di Valona è un contributo di Zoto Kanina

220
Condivisioni

Articoli sull'iso-polifonia albanese