Cosa vedere a Valona

“Un caffè al tramonto e tutto sembra che sia passato, perciò gustatevi la vita”.

50
Condivisioni

Il tramonto più bello del Mediterraneo

Per la conformazione fisica, estendendosi attorno al golfo rivolto a Ovest, la città di Valona vive, forse, non uno, ma molti tramonti di incredibile suggestione. Il sole che scende sull’orizzonte riflette i raggi sull’isola che innalza la luce creando una sorta di lampada naturale.

Spostandosi lungo la costa, soprattutto in bici, si “fotografano” tramonti meravigliosi, con i colori che cambiano velocemente. Oppure, salendo le colline circostanti, si assiste a immagini uniche. Come si dice a Valona: “Un caffè al tramonto e tutto sembra che sia passato, perciò gustatevi la vita”.

Tramonto Kanina Valona
Il tramonto a Kanina (Valona). Foto di Aulon Naçi

Diverse anime di una città policentrica

Valona è una città che racchiude in sé diverse anime: quella ex-comunista e balcanica, ma anche quella mediterranea; è la città più occidentale, laica e rivoluzionaria, ma allo stesso tempo, da sempre, vi convivono tutte le religioni, rendendola così l’incarnazione della moderna identità nazionale albanese.

Le stratificazioni culturali, insieme a quelle architettoniche che incarnano le sue “anime”, hanno reso la città unica anche urbanisticamente, tanto che, il turista, a volte anche quello albanese, stenta a cogliere a primo acchito questa sua peculiarità. A differenza delle altre città albanesi, rinchiuse in poche vie del centro con il resto che rimane periferia, Valona è policentrica.

Ci sono il centro vecchio, il boulevard del regime comunista, la zona del Kali i Trojës (Cavallo di Troia), il centro a Skela (vicino al porto), il lungomare fino al “Belvedere” (così chiamato, letteralmente, in italiano) e poi il centro del quartiere di “Uji i Ftohtë” (Acqua fresca).

Valona è una città di piazze e anche in questo si evince, malgrado la sua forte e singolare albanesità, una vicinanza culturale e architettonica con la tradizione italiana e mediterranea, rispetto alla dimensione balcanica e orientale preponderante nel resto del paese. Infatti, un’altra caratteristica saliente della città sono le numerose fontane pubbliche, molte delle quali, però, peraltro molto belle, sono state abbattute dalla modernità impietosa.

Tra quelle conservate: la fontana delle “Katër topat”(Quattro palle), in Piazza della Bandiera, «La Stella», costruita durante il comunismo, a forma di stella marina con dentro una perla,  che si trova nel giardino di fronte alla moschea, la fontana “Te Rrapi” (Al Platano), ancora funzionante – con l’ acqua che esce dalla bocca di un leone, ma che in passato scorreva attraverso il tronco di un platano secolare – che oramai di fatto identifica, per molti, il quartiere in cui è collocata.

Valona, la guida completa

Eventi, arte e cultura

La guida di Valona è un contributo di Zoto Kanina

50
Condivisioni

Articoli recenti su Valona