Siti archeologici

Scutari, storicamente anche Scodra (in albanese: Shkodra o Shkodër, in serbo Skadar), situata nell’Albania nord-occidentale, in prossimità del Lago di Scutari, sulla zona di confine fra l’Albania e il Montenegro. Una caratteristica geografica di questa città è la presenza in essa di ben tre fiumi, Drin, Kir e Buna (Boiana) che è l’emissario del lago suddetto.

A Scutari è stata anche scoperta una città rimasta nascosta finora e che risale a duemila anni fa, dal nome Bassania.

Castello di Drivasto (Kalaja e Drishtit)

È un castello in rovina. Le prime tracce di fortificazioni risalgono al tardo neolitico. Le mura e le torri attuali risalgono al 1396-1478 in epoca veneziana.

Isola di Sarda (Ishulli i Shurdhahit)

Si trova nel Vau i Dejes Reservoir, che è alimentato e drenato dal fiume Drin. È raggiungibile in battello turistico in estate dal Vau i Dejes o Rragam. Esso contiene le rovine della città medievale di Sarda.

È possibile visitare le rovine del castello medievale risalente al XI secolo, che comprende due anelli di mura difensive e torri (alcune purtroppo sommerse dal lago), i resti di una chiesa bizantina e altre mura medievali.

Le rocce ripide che salgono dal lago sono donano una vista impressionante.

Grotta di Gajtan

In questa grotta a Scutari si trovano tracie degli stanziamenti iniziali degli albanesi (illiri). Il popolarsi delle terre albanesi è aumentato nell’età Neolitica. E’ il periodo quando gli uomini cominciano ad abbandonare le grotte e a stabilirsi in spazi aperti.

Bassania 3
La città antica di Bassania (Foto Martin Lemke)

Leggi anche

Scutari, la guida completa

La guida di Scutari è stata preparata da Gino Luka e si mantiene aggiornata dallo staff di Albania News. L’ultimo aggiornamento: 29 settembre 2019