Kavajë

Kavajë (o Kavaja) è una città costruita nelle pianure costiere, situata a sud della spiaggia di Durazzo e Shkëmbi i Kavajës (Roccia di Kavajë) su una pianura umida di due piccoli fiumi, Darçi a sud e Leshniqe a nord.

Kavaje Albania

La città. Presentazione generale

Ci sono state opinioni diverse sull’origine di Kavajë come centro abitato.  Fino a poco tempo, vari studiosi pensavano generalmente che l’origine di Kavaja dovesse essere cercata verso la metà del XVI secolo.

La storia della città di Kavajë

Sulla base dei ritrovamenti di alcuni frammenti architettonici e di alcune iscrizioni, risulta che l’origine di questo insediamento deve essere vista fino ai primi secoli a.C., dal ritrovamento nel castello di Zig-Xhafaj a quel tempo chiamato “Arnisa”, che appartiene al IV-II secolo a.C., si conclude che a Zig-Xhafaj, durante questi secoli, esisteva una città illirica di tipo Castellum che fungeva da insediamento, da centro amministrativo, da come luogo di rifugio per i residenti della zona in caso di guerra.

Importante è il fatto che questa è l’unica fortezza illirica conosciuta fino ad oggi nel distretto di Durazzo.  L’archeologo H. Myrto nei villaggi di Spanjo e Aganas (molto vicini al quartiere Sallbeg-Kavaja) ha trovato numerosi frammenti di mattoni e tegole del periodo ellenistico.

Per quanto riguarda la denominazione della città di Kavajë con l’attuale nome, il primo documento che ne fa uso è il Registro delle terre del Sandzak d’Albania dell’anno 1431-1432, pubblicato dallo studioso turco Halil Inalçik.  Secondo questo registro, questo insediamento (di Kavaja) faceva parte del villayet dei Balsha, nel nahine chiamato Tomonishte ed era chiamato villaggio Kavalje con 16 abitazioni.

Via Egnatia

La parte dalle colline occidentali ha una grande importanza per l’insediamento del territorio della città di Kavaja per il fatto che attraverso questo territorio passava la strada più antica ed importante che i romani costruirono in Albania, la “Via Egnatia”.  Questa strada in termini di lunghezza, larghezza e qualità di costruzione era unica nella penisola balcanica.

La strada ha due rami, quello di Durazzo e quello di Apollonia. Questi due rami si incontrano a Clodiana (Peqin) e ulteriormente continua lungo la costa di Shkumbin, Qafthane, Ohrid, Bitola, Salonicco e ulteriormente a Costantinopoli in Asia Minore in Siria e Mesopotamia.

Dall’altra parte dell’Adriatico, da Roma, attraverso tutta la Bassa Italia fino a Brindisi, passava la famosa Via Appia (tuttora in funzione), che via mare collegava direttamente con Apollonia e Durazzo. È chiaro che questa rotta commerciale e militare, la più antica e importante di tutti i tempi, ha creato strutture e opportunità per collegare gli abitanti di questo insediamento (Kavaja) via mare con Brindisi, via Appia con Roma e via Egnatia con Costantinopoli e per quanto riguarda l’Asia Minore.

Kavajë e gli ebrei: una storia da svelare

All’inizio della Seconda guerra mondiale, approssimativamente 600 ebrei vivevano già in Albania. Circa 400 di loro erano rifugiati tedeschi e austriaci e il resto proveniva dai paesi confinanti come la Jugoslavia e la Grecia. Il più gran numero di questi rifugiati, circa 200 in totale, è stato messo a un campo in Kavajë. Più tardi avrebbero trovato riparo tra la popolazione locale.

I cittadini di Kavajë hanno dato un contributo estremamente prezioso nel nascondere nelle proprie abitazioni i rifugiati ebrei durante la guerra. La città divenne per loro uno dei luoghi più sicuri in Europa. I nomi di Mihal Lekatari, Besim Kadiu e Shyqyri Myrto fanno parte della lista del Virtuoso tra le Nazioni onorate da Yad Vashem.

Istituto albanese-americano di agricoltura

L’Istituto albanese-americano di agricoltura, noto anche come “The Albanian-American School of Agriculture and Domestic Science”, è stata una scuola tecnica di istruzione superiore fondata a Kavajë nel 1926 dal Dr. Charles Telford Erickson.

Il dottor Erickson era un missionario in Albania ed aveva partecipato come consulente politico alla Delegazione di Vatra alla Conferenza di Parigi di Pace del 1919.

La scuola che ha fondato voleva promuovere la conoscenza dell’agricoltura scientifica moderna e fornire una formazione approfondita ai giovani albanesi. La scuola femminile è stata inaugurata il 20 settembre e la scuola di agricoltura dei ragazzi si è aperta il 10 ottobre dello stesso anno. Il costo per l’iscrizione era di 50 franchi d’oro al mese. La scuola prevedeva un corso triennale, con un’opzione per altri due anni riservata a coloro che avessero conseguito ottimi risultati nel corso triennale. Le lezioni venivano impartite sia in albanese che in inglese.

Il finanziamento per il progetto è stato reso possibile dalla Fondazione Near East, che aveva commissionato il progetto architettonico allo studio “Thompson & Churchill” di New York.

Dopo l’occupazione italiana del 1939, la scuola è stata per un breve periodo denominata Istituto Agrario “Arnaldo Mussolini” in onore del fratello minore di Benito Mussolini, che aveva fondato in Italia i primi Istituti professionali agrari.

Oggi questa scuola viene conosciuta con il nome “Shkolla e Mesme Bujqësore Agrobiznes Golem Kavajë”

Istituto Albanese Americano Di Agricoltura
I ragazzi della scuola tecnica albanese-americano di agricoltura di istruzione superiore, noto anche come "The Albanian-American School of Agriculture and Domestic Science"

Museo etnografico di Kavajë

Il museo è una delle costruzioni più caratteristiche di Kavaja. Situato nel quartiere “Skuraj”, il museo è stato costruito a cavallo tra XVIII e XIX secolo dalla famiglia Arkaxhij e contiene valori autentici del popolo albanese come costumi popolari e oggetti storici, dal periodo illirico fino alla dittatura comunista passando per alto medioevo, rinascimento e indipendenza.

La Torre dell’Orologio

Tra il XVII e il XIX secolo la città assunse importanza in particolare per le sue quattro moschee, distrutte nei combattimenti e nelle guerre del XX secolo. Delle quattro moschee antiche l’unica traccia rimasta è la torre dell’orologio che si erge sulla piazza del bazar in cima alla collina dominando l’intera città.

All’interno della torre è presente una scalinata in legno mentre in alto si trova un orologio che precedentemente funzionava accompagnata dal suono della campana. La torre è nota per i suoi valori architettonici e la decorazione creata da pietre bianche e verdi.

La Moschea Kubelie

La moschea Kubelie (in lingua albanese: Xhamia e Kubeliesë) è una moschea situata a Kavajë, in Albania.

Nel 1736 venne costruita dall’ottomano Kapllan Beu una moschea chiamata “moschea Vecchia” (Xhamija e Vjetër); localizzata nella strada principale della città, distava circa settanta metri dalla Kubelie

Il castello di Turra

Il castello di Turra è stato costruito in epoca illirica e fungeva da fortezza di protezione per tutta la zona. Tra le varie rovine dell’area, ci sono anche quelle delle torri che all’epoca circondavano il cancello.

Durante il periodo comunista, nei pressi del castello è stata istituita un’unità militare. Il castello di Turra è stato dichiarato monumento culturale nel 1948.

Le spiagge più rinomate di Kavajë

La linea costiera nella regione di Kavajë confinante con Rrogozhinë è lunga e per lo più piatta con molte spiagge di ghiaia e sabbiosi.

Golem (Mali i Robit, Qerret)

Golem è un villaggio sul mare ed è una delle principali destinazioni balneari dell’Albania dove si trovano molti resort, hotel e case vacanza. È la destinazione balneare più vicina da Tirana, capitale dell’Albania e Durazzo, la seconda città più grande dell’Albania.

La spiaggia di Golem è stata inserita da qualche anno tra le principali attrazioni turistiche dell’Albania. Lunga diversi chilometri e larga fino a 200 metri, la spiaggia si trova a poca distanza dal centro abitato di Golem, e quindi facilmente raggiungibile a piedi, circondata da una pineta rigogliosa e caratterizzata da una fine sabbia dorata. Il mare – come quasi in tutta l’Albania – si distingue per acque azzurre e cristalline.

Karpen (Kepi i Bishtit të Barbaut)

La spiaggia di Karpen è una piccola spiaggia e un luogo ideale per coloro che amano un’esperienza di spiaggia più tranquilla, lontano da qualsiasi rumore o da masse di persone.

Plazhi i Gjeneralit (La spiaggia del Generale)

Plazhi i Gjeneralit è una piccola spiaggia sabbiosa situata vicino alla città di Kavaja in Albania. Plazhi i Gjeneralit significa spiaggia del generale, e prende il nome da un generale italiano durante la seconda guerra mondiale, perché era un assiduo frequentatore della spiaggia.

Altre spiagge nei dintorni di Kavajë

  • Carina (Gjiri i Forsilukut)
  • Kepi i Lagjit (Kalaja e Turrës)
  • Spille (Guri i Lëmuar)
  • Greth

Il castello di Bashtovë

La fortezza, infatti, non rientra nella città-museo dell’area, non è situata lungo la costa Adriatica e, di conseguenza, è ancora quasi sconosciuta ai turisti stranieri e non, i quali – attratti dalle destinazioni più note – non conoscono la sua esistenza.

Se si aggiunge anche il fatto che le informazioni riguardanti il castello sono minime, risulta che la fortezza di Bashtovë sia a tutti gli effetti uno dei tesori nascosti dell’Albania.

Chiesa di Shënapremte (Çetë-Kavajë)

Si pensa che la chiesa sia stata costruita nel XIII secolo ed è l’unica chiesa con architettura gotico-romana rimasta nel territorio dell’Albania. Fu costruita come chiesa cattolica, voluta da Benedetto, nel periodo del Regnus Albaniae.

In questo momento è documentato che molte di queste chiese cattoliche furono costruite, sia nell’Albania centrale che in quella settentrionale.  Successivamente, nel 1691, la chiesa divenne ortodossa e fu dipinta con icone dall’interno.  I fratelli Zografi dipinsero i quattro muri di cinta, ma molte delle icone furono distrutte da un incendio caduto negli anni in cui la chiesa fu dimenticata a seguito della dichiarazione dell’Albania di Paese ateo.  Le 16 icone appartengono a Kostandin Shpatarak, tra cui l’iconostasi, che separava la navata dall’altare, ma è già scomparsa.

La chiesa è composta dall’altare, dal nartece e dalla navata.  Il pavimento ha una figura del sole (a forma di cerchio), il che è interessante, poiché il culto del sole è precristiano.  Secondo la leggenda locale, furono tre cavalieri che attraversavano la via Egnatia (che è vicina alla chiesa) che andavano da Roma a Costantinopoli a costruire la chiesa.

La Chiesa di Shënkoll

La Chiesa di Shënkoll a Kavaja fu costruita nel 1870, dopo che gli ortodossi di Kavaja avevano ricevuto l’editto dal Sultano.  Era una costruzione da tutti i lati con muri in pietra dello spessore di 70 cm, con malta di calce e con listelli di legno ogni 50 cm.  Il tetto è stato costruito in legno, ricoperto di tegole campestri.

All’interno anche le cupole, le colonne, i loro capitelli e le cornici orizzontali erano in legno.  Alcune delle icone sono state dipinte sulle pareti laterali e frontali, mentre le cupole che si sono formate all’interno dello spazio del tetto sono state intonacate su assi e su questo intonaco sono state dipinte le icone.  L’edificio ecclesiastico dal punto di vista della monumentalità aveva i suoi valori di costruzione della seconda metà del XIX secolo

La chiesa di Santa Paraskevi

Costruita tra il XIV e il XV secolo, la chiesa presenta grandi valori storici e artistici al suo interno (tra cui i dipinti e gli affreschi dei fratelli Zografi e di Kostandin Shpataraku). Inizialmente cattolica, la chiesa di San Paraskevi è stata successivamente convertita in ortodossa. E’ monumento culturale dal 1963.

Come raggiungere Kavajë

Per raggiungere e visitare Kavajë da Tirana, bisogna prendere la superstrada direzione Durazzo e successivamente l’uscita Kavajë.

Notizie da Kavajë e dintorni

Non ci sono articoli disponibili