Elbasan

Elbasan è una città dell’Albania situata nella zona centrale del paese e attraversata dal fiume Shkumbin. La città si trova a circa 50 chilometri da Tirana.

Elbasan fu costruita sui resti della città antica di Skampini. Fu un importante centro sulla via Egnatia che collegava Durazzo a Costantinopoli.

Elbasan, dove storia e natura si incontrano

Elbasan, Albania

Un imperatore romano, un sultano, fascisti e comunisti: tutti hanno dato il loro specifico contributo alla costruzione di questa antica città nel corso dei secoli. In quanto tale, il castello di Elbasan e la successiva nuova città sottostante, combinano stili e influenze distinti e forse incompatibili, cosa che conferisce a Elbasan uno status di unicità.

Una città orgoglioso piena di gente cordiale, Elbasan ospita le più grandi celebrazioni nella “Dita e Verës” nel paese, una giornata in cui la sua specialità culinaria – il dolce ‘ballokume’ – viene consumato da tutti. Elbasan diventa particolarmente festosa e selvaggia quando le partite di calcio della nazionale riuniscono i fan da tutto il paese alla nuova Elbasan Arena. Intorno a questa città, ci sono centinaia di bellissimi laghi dove i locali vanno per pescare, fare pic-nic e rilassarsi. Belsh, per esempio, con il suo centro città di nuova costruzione e il suo bellissimo lago, è diventata di recente una destinazione molto popolare.

Il castello di Elbasan

I viaggiatori stranieri negli anni ’80 notarono che città come Elbasan non esistevano più in Europa. Skampis – come una volta era chiamata questa città fortezza – fu fondata nel 1466 da due leader straordinariamente diversi: l’imperatore romano Giustiniano e Sultan Mehmet II. Dopo che le mura del castello sono state quasi interamente distrutte nelle guerre del IV e V secolo d.c, furono erette ancora una volta da Giustiniano per essere utilizzate come rifugio militare allo scopo di sorvegliare la via Egnatia, la strada principale che si estendeva tra le principali città dell’impero romano. Più tardi, durante l’impero ottomano, Mehmet II ha usato il castello come base militare contro Giorgio Castriota Scanderbeg, l’eroe nazionale che combettè per ottenere l’indipendenza dell’Albania dall’impero ottomano.

Il castello di Elbasan ha avuto il suo periodo più glorioso durante il XVII secolo, racchiudendo tra le sue mura oltre duemila case e vantando un’industria manifatturiera di olre 900 negozi di oggetti in pelle, tra cui la seta, e metalli preziosi come l’argento, che sono stati per lo più esportati all’estero. Solo dopo cento anni dall’invasione ottomana, la città vide la sua vita iniziare ad estendersi oltre le mura del castello. Ognuno dei monumenti all’interno della fortezza, come la chiesa cattolica, la chiesa ortodossa di Santa Maria Assunta, la vecchia scuola del castello, la moschea del re e l’Hamam delle donne, contiene pezzi significativi dell’affascinante storia di questa città. Sul lato orientale delle porte del castello, si erge la maestosa torre dell’orologio, che funziona ancora in modo impeccabile. Costruito alla fine del ‘800, è stato dichiarato monumento culturale nel 1963.

Il castello di Elbasan onora anche le figure di spicco del progresso della lingua e della cultura albanese come Kostantin Kristoforidhi, che ha dato agli albanesi il primo libro di testo di scuola elementare in albanese e la prima traduzione albanese dell’Antico Testamento. Una passeggiata attraverso il castello rivela un’incredibile varietà di belle architetture: case in stile ottomano, tipiche dell’Albania centrale, appartamenti in stile italiano del XIX e XX secolo, edifici comunisti e di epoca post-comunista.

Castello Di Elbasan

Museo Etnografico di Elbasan

Situato nel centro della città, non lontano dal Castello di Elbasan, il Museo Etnografico di Elbasan è una casa a due piani del XVIII secolo che racconta la cultura, il folclore e lo stile di vita della città.

Il Museo delle tradizioni viventi di Elbasan si trova in una delle antiche case della città. L’edificio ha 200 anni e rappresenta una delle tipiche case dello stile post-medievale albanese. L’edificio a due piani si distingue per l’ampio balcone pavimentato e circondato da legno. Nella lingua del popolo albanese questa costruzione è conosciuta come un portico.

Xhamia Mbret - La moschea del Re

La moschea del Re (in albanese: Xhamia Mbret) è una moschea ottomana di Elbasan, in Albania. Edificata alla fine del XV secolo, è una delle più antiche moschee albanesi ancora aperte al culto. La moschea venne costruita per volontà del sultano Bayezid II nel 1492.

Durante la prima guerra mondiale gli interni in legno andarono distrutti. Rientra nei monumenti culturali religiosi dell’Albania dal 1948. Nel 1967 fu chiusa per ordine dell’autorità comuniste e verrà riaperta al culto solamente nel 1990. Nel 2013 la moschea è stata sottoposta ad un importante restauro che ha comportato, tra le altre cose, la ricostruzione del minareto

Monastero di San Gjon Vladimir

Il monastero di Gjon Vladimir fu costruito nel 1381. Il fondatore del monastero è il principe Karl Topia. Attualmente, il grande architra in pietra del portale della porta, l’icona appartiene ad un autore anonimo e risale al sec. XVII. L’icona rappresenta la scena Deisis (Preghiera). È diviso in cinque spazi. Al centro dell’icona c’è il Cristo in trono. Accanto a lui stanno la Vergine Maria e Giovanni Battista, che pregano per la salvezza del mondo. Accanto a loro stanno San Pietro e San Paolo. L’icona è parzialmente danneggiata.

La ricamatrice della bandiera dell’indipendenza dell’Albania, Marigo Posio, fu sepolta nel 1932. Dopo il 1967 il monastero era un luogo abbandonato e nessuno poteva pensare a dove potesse essere collocata la tomba. A metà degli anni Ottanta viene inviata una lettera alla Sezione Cultura del Comitato Esecutivo del distretto di Valona, ​​inviata da un anziano di Kolonja, parente di Marigo Pozio. Colui che insisteva che nel cimitero di questo monastero si trovasse la tomba di Marigo, che in fondo aveva una croce di ferro conficcata nel terreno. Questa lettera ha avviato la ricerca e così è stata trovata la sua tomba, che oggi è un altro luogo di pellegrinaggio per gli albanesi e un valore aggiunto di questo monastero.

Notizie da Elbasan e dintorni

Non ci sono articoli disponibili

Nei dintorni