“C’incontriamo alla piramide”…. per poter dire che abbiamo vissuto

Manfred Bushi
Scritto da Manfred Bushi luglio 14, 2011 14:14

“C’incontriamo alla piramide”…. per poter dire che abbiamo vissuto

Oggi sentiamo di dover mettere questo articolo in prima pagina in quanto il parlamento albanese ha preso la decisione finale che dovrebbe portare alla distruzione della Piramide. L’articolo è stato pubblicato per la prima volta il 14 novembre 2010

“Ma perché non li ferma nessuno – ci chiedono i nostri lettori – lì abbiamo i nostri ricordi”.
Visitai la piramide quando c’erano ancora le reliquie di Hoxha: la pistola, ed altri armamenti della guerra (non credo che le abbia mai usate), documenti , libri, lettere etc. Lì vidi le prime telecamere di sorveglianza. Era ancora fredda così come dovrebbe essere un sepolcro.

Ma presto si sarebbe scaldata, riempiendosi di giovani pieni di vita che di Hoxha hanno sentito solo il nome. “C’incontriamo stasera alla piramide”, era il saluto degli studenti delle scuole superiori o dei giovani universitari, dopo una lezione. Magari al bar “Mumja”.

Non ci sarà più quel saluto perché “loro” non li può fermare nessuno. “Loro” non conoscono la vita ma solo la guerra..contro i simboli. A prima vista sembrano dei don Chisciotte moderni ma non sono cosi ingenui; hanno un fine ben preciso: il guadagno. Fare, disfare ha tutto un costo. E qualcuno guadagna, alle spalle di chi paga le tasse, a scapito del futuro che non avrà un passato.

Loro fanno quello che vogliono. Raccolgono i voti (magari anche dubbi) e poi si sentono le mani libere. Non si è riuscito a superare quel modo di governare che era tipico del sistema precedente. Loro non ascoltano. Non hanno orecchie. In quello che loro chiamano sviluppo, non c’è posto per ricordi né di storia né di cultura. Non hanno tempo di tutto ciò. Magari dopo, quando avranno costruito/distrutto tutto .

Forse per loro, la presenza uccide l’immaginazione. Perché noi siamo il popolo delle leggende. Cosa ci costa inventarne una: “c’era un dittatore che morì coperto di gloria….costruirono una piramide..”

Loro conoscono solo parole grosse: cemento, palazzoni, soldi, parlamento. Tutti in gara chi ne farà di più. Sembrano dei personaggi inventati da Antonio Albanese:
“Noi nella mia famiglia lavoriamo tutti. Da generazioni. Mio nonno ha fatto il capannone piccolo, mio padre il capannone grande, io il capannone grandissimo. Mio figlio si droga. Ha capito che non riuscirà mai a fare un capannone più grande del mio.”

Nel nostro caso il drogato è il popolo che ha capito che nulla può fare contro le loro decisioni. Persino Hoxha, nella guerra contro la religione, chiuse ma non distrusse tutti i luoghi di culto. Riuscite ad immaginare Tirana senza quella piccola moschea?

***

E’ chiaro a tutti che la piramide ha un forte valore simbolico. In quella costruzione, il sistema morente diede il meglio, così come il fascismo diede il meglio di sé nella costruzione del centro di Tirana, in quegli edifici che saranno i prossimi bersagli. Non è necessario abbatterli, basterebbe costruirci attorno dei palazzoni; così cadranno nell’ombra e moriranno soffocati.

Personalmente penso che i parlamentari non meritino più di quella sede che hanno. Al massimo, se proprio vogliono governare con questi metodi, credo che il luogo più adatto sia la sede del Comitato Centrale.

Forse è arrivato il momento di cercare la gloria altrove: nella guerra contro la povertà affinché dei bambini non muoiano affamati e nel buio come è capitato in questi giorni.

Quindi giù le mani della piramide! Lasciateci dire che abbiamo vissuto e non solo bei tempi. E se volete proprio spendere dei soldi rimetteteci su la stella che aveva. La dittatura che voi cercate di combattere si trova nella vostra anima e non di certo nella piramide e nella sua stella.


Articolo pubblicato il 2010-11-14 e lo stiamo riproponendo in quanto il parlamento albanese ha preso la decisione finale che dovrebbe portare alla distruzione della piramide

Manfred Bushi
Scritto da Manfred Bushi luglio 14, 2011 14:14
  • dule

    Eagle, innanzi tutto sei un gran maleducato che offendi gratis. Strano che non mi hai attribuito anche il commento di Indrit. Come è legittimo che tu esprimi il tuo pensiero per non abbatterlo la piramide del tuo Sultano, è altretanto giusto che le altre persone esprimano opinioni contrari, ma la differenza tra me e te è che io dò dei argomenti e tu sai solo offendere. Però, io ti capisco…come fai ad essere diverso!! Discendi da una cultura divide e impera, ed è per questo che difendi il tuo padrone…gente come te non è abituata a pensare con la propria testa..morto il padrone siete persi e tra le nuvole.
    Cosa sono questi esempi di Cesare, Nerone ecc,senza collegamenti? Che centra Hoxha con loro? Loro almeno hanno “giustificato” le proprie azioni con un esteso impero, ma Hoxha di che cosa si giustificava? Di essere un criminale in persona? Lo sai tu che Hoxha ha ucciso Mehmet Shehu in diretta solo per il fatto che l’aveva contrastato?? Almeno Stalin, aspettava finche andassero a casa…invece Lui bam-bam..c’è il problema? bam-bam..ora non c’è più..Questo era Hoxha. Cesare e Nerone, Napoleone, Bismark, Curcill, Rusvellt non hanno mai avuto le piramidi..massimo possono avere qualche ritratto in bronzo o sulla carta. Le piramid li usavano solo gli Egizzi. Infatti, per questo si chiama Keope. La prossima volta trovi le paragoni giuste.

  • indriti

    Caro DITI.
    Gjergj Fishta ka perdorur fjalen “shkja”. Mitrush Kuteli ka perdorur fjalen “shkja”. Po te jap nje shpjegim te vogel gjuhesor, por here tjeter para se te flasesh infornohu dhe lexo.
    Fjala “SHKA” ose “SHKJA” varesisht nga territori ku perdoret s’eshte ofendim per krishteret por per sllavet. Sipas profesorit tim te gjuhesise, ka kuptimin e ardhacakut. Ju e dini se Sllavet u dynden ne Gadishullin Ballkanik nga Karpatet. Kjo dyndje apo ky imigracion i madh u quajt “SHKARJE” (rreshqitje), prandaj fjala SHKA dmth person qe ka SHKARE (rreshqitur) ne trojet tona.

  • vilma

    Bravo Indrit…me ne fund nje qe perdor gjuhen per te diskutuar ne menyre shkencore. Vedo con tanta ammarezza che certe persone continuano a parlare di cose che non sanno…o le sanno per sentito dire….va be’ è uno degli aspetti del nostro essere albanesi.

  • vilma

    PS: scusatemi ho fatto un errore ortografico..mi sono rivolta a DITI, NON a Indrit

  • arian shehu

    [quote name=Eagle]Seguendo il filo di ragionamento del gemello di Dule, Indrit, gli italiani dovrebbero abbattere ogni opera monumentale o edificio degli imperatori autoritari dell’antica Roma, come Giulio Cesare, Nerone, Commodo. Dovrebbero poi abbattere gli edifici come Colosseo dove gli imperatori romani per puro divertimento mandarono al macello decine decine di migliaia di uomini e bestie. Dovrebbero abbattere i luoghi della chiesa cattolica quali sedi di una serie lunghissima di torture, omicidi e roghi orrendi contro persone innocenti. Dovrebbero abbattere ogni opera napoleonica, fascista etc. Per non parlare dei francesi, gli inglesi, i russi e tutta l’Europa. Che mondo triste sarebbe un mondo fatto di idioti che radono a suolo tutto ciò che loro per la nerissima idiozia che li avvolge mente e anima, non amano!
    Questo sì che sarebbe da piangere!non entro nel merito di discutere quello che scrivi,perchè non te lo meriti,ti vorrei invitare però di non offendere nessuno,evidentemente sei un nostalgico della dittatura del criminale perverso e.h.potresti essere laureato,ma per me rimani sempre un cafone ignorante che sa solo ofendere gratuitamente qualsiasi persona che lo pensa diversamente da te,io ho il coraggio di mettere nome e cognome quando scrivo,ti invito di cambiare quel nickname perchè offendi l’aquila , simbolo del mio è purtroppo anche del tuo paese

  • Eagle

    Un caldo benvenuto al terzo idiota!!! Ora sì che possono darmi del cafone, ma tu no. Tu non puoi perché in poche righe hai superato i tuoi due gemelli e in particolare l’idiotissimo Dule! Sempre che tu non sia uno dei due…
    Non fare il coraggioso dietro un pc e sotto falsa identità, perché sei semplicemente patetico!
    Ciao vandalo,
    distruggi pure tutto tutto quello che ti capita a tiro, come Attila, ma per favore solo a casa tua!

  • dule

    X eagle (mobile): scusa, io non ti ho mai offeso personalmente..tu perché mi offendi?? Qual’è il motivo del tuo rancore?? Io non mi sono mai rivolto a te in prima persona. Vediamo un pò se riesci a dare una risposta obiettiva senza alzare la coda in segno di alerta. Stai tranqi piccioto..se ti vuoi sfogare ci sono le lucine rosse.

  • dule

    [quote name=vilma]Bravo Indrit…me ne fund nje qe perdor gjuhen per te diskutuar ne menyre shkencore. Vedo con tanta ammarezza che certe persone continuano a parlare di cose che non sanno…o le sanno per sentito dire….va be’ è uno degli aspetti del nostro essere albanesi.
    Vilma, ç’esht kjo thenie si ne tym!? Certe persone continuano a parlare di cose che non sanno o per sentito dire!? Appunto Vilma, uno dei aspetti che tu chiami “essere albanese” è anche il tuo comportamento di porsi vagamente e ambigua. Quindi, prima di parlare per il semplice gusto di parlare, analizza te stesso per prima.Ciao

  • DITI

    rrofsh Indrito (kemi te njejtin emer) sot me ndriçove mendjen ,un jam me shkoll te mesme juve me siguri keni me shum se un . parlamentin e ri e inaguruan para disa muash , ne shqipri kemi nevoj x gjera tjera.Ne fshatin tim te lindjes kto dit ka dal perroi dy her x 10 dit dhe mbi 100 shtepi niveli i ujit ka vajt deri ne 1 m ,ne koh te Enverit sbote vaki diçka e till se e pastronin .kan kaluar 20 vjet deri tani ska von dor njeri dhe asnjeri nga lart se ka vrar mendjen .I DASHUR INDRIT ne shqiptaret po spatem nje qeveriqe te qaje hallet e popllit ne do na mori perroi te gjithve si mullaret e barit te fshatit tim e do na nzjerri ne mes te detit

  • arian shehu

    [quote name=Eagle]Un caldo benvenuto al terzo idiota!!! Ora sì che possono darmi del cafone, ma tu no. Tu non puoi perché in poche righe hai superato i tuoi due gemelli e in particolare l’idiotissimo Dule! Sempre che tu non sia uno dei due…
    Non fare il coraggioso dietro un pc e sotto falsa identità, perché sei semplicemente patetico!
    Ciao vandalo,
    distruggi pure tutto tutto quello che ti capita a tiro, come Attila, ma per favore solo a casa tua!sei semplicemente un poveretto,un uomo di niente si dice a Napoli,sono abituato a costruire è non distruggere,per quando riguarda il falso nome ,quelli gli usavano i tuoi idoli “comunisti” o scusa criminali che sapevano uccidere i compagni dietro le spalle,vigliacchi come te.

  • Eagle

    Po mor “demokrat” i oreve te para, po, ai soji juaj i bukur di vetem te ndertoje siç ndertoi kapterr bace Sali Protopata me kompani bashke me pulamedhenjte e tjere te qeverive anti-popullore te ketyre 20 vjeteve! Ndertuat Shqiperine e Re duke djegur te vjetren, vetem se kjo krijesa juaj e re nuk i ngjason aspak nje nuseje te bukur por nje lypsareje leckamane qe behet tapet pragu per te fshire kepucet e te huajve te cileve u dhurohet gjithçka, deri edhe nderi.
    Ndertuat nje vend kosh pleherash per te huajt, ku derrat dhe biçimzinjte si ty qe vijne ne pushtet me apo pa pelqimin e popullit, bejne biznes mbi gjithçka, mbi varferine e njerezve, mbi ambientin qe po e bejne kerme gjithandej dhe mbi sovranitetin tone qe po e shesin pak nga pak tek fqinjet.
    Ik mor lamash qurravec e mos na trego demokracine se e vetmja gje qe njeh ti eshte huri dhe litari!
    Lamashe si ju mos i paste as hasmi se edhe kombi me i zhvilluar ne Bote me nje grusht morrash si ju behet Somali.

  • vilma

    Dule caro!

    Mi rendo conto che per te certe espressioni non hanno senso, sicuramente quando Weber non te le ha ancora insegnate…cmq ti perdono…ku ku nane…kha je ka shkon he burr?…keshtu themi ne andej nga veriu. Naten te gjitheve…

  • arian shehu

    [quote name=Eagle]Po mor “demokrat” i oreve te para, po, ai soji juaj i bukur di vetem te ndertoje siç ndertoi kapterr bace Sali Protopata me kompani bashke me pulamedhenjte e tjere te qeverive anti-popullore te ketyre 20 vjeteve! Ndertuat Shqiperine e Re duke djegur te vjetren, vetem se kjo krijesa juaj e re nuk i ngjason aspak nje nuseje te bukur por nje lypsareje leckamane qe behet tapet pragu per te fshire kepucet e te huajve te cileve u dhurohet gjithçka, deri edhe nderi.
    Ndertuat nje vend kosh pleherash per te huajt, ku derrat dhe biçimzinjte si ty qe vijne ne pushtet me apo pa pelqimin e popullit, bejne biznes mbi gjithçka, mbi varferine e njerezve, mbi ambientin qe po e bejne kerme gjithandej dhe mbi sovranitetin tone qe po e shesin pak nga pak tek fqinjet.
    Ik mor lamash qurravec e mos na trego demokracine se e vetmja gje qe njeh ti eshte huri dhe litari!
    Lamashe si ju mos i paste as hasmi se edhe kombi me i zhvilluar ne Bote me nje grusht morrash si ju behet Somali.uomo di niente, devi cambiare nickname, lo devi mettere come quello che ha avuto il tuo comandante “legendario” taras ,continui a scrivere in italiano ho ti sei inervosito è hai cambiato lingua?

  • dule

    [quote name=vilma]Dule caro!

    Mi rendo conto che per te certe espressioni non hanno senso, sicuramente quando Weber non te le ha ancora insegnate…cmq ti perdono…ku ku nane…kha je ka shkon he burr?…keshtu themi ne andej nga veriu. Naten te gjitheve…Cara Vilma, grazie per il perdono..ne avevo proprio bisogno, ma di quale Webere parli? Di quello della Fromula-1?
    Kha je ka shkon he burr, ne ç’gjuh e dialekt esht?? Mos doje te thoje, kha je t’u shku he burr!! Vilma, futja nje sy gjum..he t’u befsha..

  • Eagle

    Sotto il “niente” c’è il segno meno ed è il caso di dirtelo, tu sei proprio un menomato!
    Ti scrivo in albanese uomo minus, per darti una possibilità di esprimerti ma tu indipendentemente dalla lingua sprechi malamente tutto, perché sai meno di niente!
    Non mi innervosisco coi tipi come te, al contrario mi diverto tanto e per questo ti ringrazio di esistere!
    ‘Tjeta vandalo!

  • vilma

    Po te shkush ne Kelmend po…edhe shprehen ashtu si thua to Dule…po te shkosh ne Diber, aty ku flasin nje shqipe shume te paster dhe shume me afer gjuhes letrare, shprehen ahstu siç te kam shkrua une. Tani qe me the t’u befsha te kam falur me te vertete…si falin burrat jo grate, qe imbajne vath ne vesh te tera…ha ha ha aha…quhet linguistike shkenca qe merret me studimin e gjuhes, dhe dialektete e saj….

Facebook