“C’incontriamo alla piramide”…. per poter dire che abbiamo vissuto

Manfred Bushi
Scritto da Manfred Bushi luglio 14, 2011 14:14

“C’incontriamo alla piramide”…. per poter dire che abbiamo vissuto

Oggi sentiamo di dover mettere questo articolo in prima pagina in quanto il parlamento albanese ha preso la decisione finale che dovrebbe portare alla distruzione della Piramide. L’articolo è stato pubblicato per la prima volta il 14 novembre 2010

“Ma perché non li ferma nessuno – ci chiedono i nostri lettori – lì abbiamo i nostri ricordi”.
Visitai la piramide quando c’erano ancora le reliquie di Hoxha: la pistola, ed altri armamenti della guerra (non credo che le abbia mai usate), documenti , libri, lettere etc. Lì vidi le prime telecamere di sorveglianza. Era ancora fredda così come dovrebbe essere un sepolcro.

Ma presto si sarebbe scaldata, riempiendosi di giovani pieni di vita che di Hoxha hanno sentito solo il nome. “C’incontriamo stasera alla piramide”, era il saluto degli studenti delle scuole superiori o dei giovani universitari, dopo una lezione. Magari al bar “Mumja”.

Non ci sarà più quel saluto perché “loro” non li può fermare nessuno. “Loro” non conoscono la vita ma solo la guerra..contro i simboli. A prima vista sembrano dei don Chisciotte moderni ma non sono cosi ingenui; hanno un fine ben preciso: il guadagno. Fare, disfare ha tutto un costo. E qualcuno guadagna, alle spalle di chi paga le tasse, a scapito del futuro che non avrà un passato.

Loro fanno quello che vogliono. Raccolgono i voti (magari anche dubbi) e poi si sentono le mani libere. Non si è riuscito a superare quel modo di governare che era tipico del sistema precedente. Loro non ascoltano. Non hanno orecchie. In quello che loro chiamano sviluppo, non c’è posto per ricordi né di storia né di cultura. Non hanno tempo di tutto ciò. Magari dopo, quando avranno costruito/distrutto tutto .

Forse per loro, la presenza uccide l’immaginazione. Perché noi siamo il popolo delle leggende. Cosa ci costa inventarne una: “c’era un dittatore che morì coperto di gloria….costruirono una piramide..”

Loro conoscono solo parole grosse: cemento, palazzoni, soldi, parlamento. Tutti in gara chi ne farà di più. Sembrano dei personaggi inventati da Antonio Albanese:
“Noi nella mia famiglia lavoriamo tutti. Da generazioni. Mio nonno ha fatto il capannone piccolo, mio padre il capannone grande, io il capannone grandissimo. Mio figlio si droga. Ha capito che non riuscirà mai a fare un capannone più grande del mio.”

Nel nostro caso il drogato è il popolo che ha capito che nulla può fare contro le loro decisioni. Persino Hoxha, nella guerra contro la religione, chiuse ma non distrusse tutti i luoghi di culto. Riuscite ad immaginare Tirana senza quella piccola moschea?

***

E’ chiaro a tutti che la piramide ha un forte valore simbolico. In quella costruzione, il sistema morente diede il meglio, così come il fascismo diede il meglio di sé nella costruzione del centro di Tirana, in quegli edifici che saranno i prossimi bersagli. Non è necessario abbatterli, basterebbe costruirci attorno dei palazzoni; così cadranno nell’ombra e moriranno soffocati.

Personalmente penso che i parlamentari non meritino più di quella sede che hanno. Al massimo, se proprio vogliono governare con questi metodi, credo che il luogo più adatto sia la sede del Comitato Centrale.

Forse è arrivato il momento di cercare la gloria altrove: nella guerra contro la povertà affinché dei bambini non muoiano affamati e nel buio come è capitato in questi giorni.

Quindi giù le mani della piramide! Lasciateci dire che abbiamo vissuto e non solo bei tempi. E se volete proprio spendere dei soldi rimetteteci su la stella che aveva. La dittatura che voi cercate di combattere si trova nella vostra anima e non di certo nella piramide e nella sua stella.


Articolo pubblicato il 2010-11-14 e lo stiamo riproponendo in quanto il parlamento albanese ha preso la decisione finale che dovrebbe portare alla distruzione della piramide

Manfred Bushi
Scritto da Manfred Bushi luglio 14, 2011 14:14
  • ari

    vorrei fare una precisazione,al di là del fatto che ognuno ha la sua opinione sulla piramide del dittatore enver hoxha,personalmente ritengo giusto di distruggerla,l’ex dittatore nell’non molto lontano febraio 1967 ha raso al suolo il 99% degli oggetti di culto e non tutto è ha chiuso in galera per decenni quasi il 100% dei preti e dei hoxhà musulmani,non ho sentito quasi nessuno degli ammiratori o nostalgici della piramide di alzare la voce o di manifestare per costruire un museo in memoria di tutti quei prigionieri politici morti nelle galere o campi di lavoro che il dittatore più terribbile che la storia umana ha conosciuto aveva costruite in tutto il paese,l’Auschwitz nessuno la distrutto ma la residenza del hitler sì,che l’hitler à confronto di enver hoxha era un democratico

  • sava

    L’articolo è bello e analizza tutto in maniera realistica.
    Oramai la dittatura di Enver Hoxha è finito (anche se è iniziato un altro tipo di dittatura). Il comunismo è un periodo storico che rimarrà per sempre e la piramide è un simbolo di questa dittatura.Essa dovrebbe rimanere lì dove è stato costruito perché deve servire a noi popolo a non permettere a nessun altro che costruisca una nuova dittatura nel nostro paese. Infatti la funzione della storia è quella di insegnarci dagli errori del passato per non ripeterli più nel futuro. Distruggere la piramide dimostrerà solo l’ignoranza della classe politica attuale e la non volontà del popolo di reagire.

  • Eagle

    hitler sì,che l’hitler à confronto di enver hoxha era un democratico

    Noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo, troppo bello!!!
    Complimenti per quella mente illuminata!!!

  • Aleks

    E’ vero anch’io, quando ho fatto la terza media, ho avuto la “fortuna” di visitare la piramide di Enver Hoxha. L’unica gitta che ho fatto con tanti problemi pure in famiglia, essendo abbastanza numerosa. Ho fatto “guerra” con mio padre per farmi andare a Tirana con i mie amici di classe. Anche il museo solo per lui, alla fine sembrave che il dittatore fosse un dio. Io ho avuto queste impressioni. Anche se tanti hanno pianto alla sua morte stupidamente, penso. Perchè tanti eravamo ignorante a come stano veramente le cose e cosa c’è oltre i confini, non solo geografici del nostro paese. Forse ancora guardiamo con nostalgia il nostro passato, ma non credo veramente quando qualcuno afferma: “Eravamo meglio allora”. Oggi il meglio per se stesso e il futuro lo può costruire ognuno in prima persona e ci sono più opportunità di poter fare una vita migliore nonostante le difficoltà. Grazie!

  • Fatmir realisti

    Manfred ,non sorprendi più .Scrivi qualche volta un brutto articolo per il malocchio.
    L’Albania con questo gesto sembra tornata all’epoca di Re Zog , che aveva una bella macchina con quale girava nelle strade fangose e vicino a gl’asini.
    Ma una cosa positiva ce , lavorerano un po di muratori e manovali . Non tutti i soldi li mettera in tasca chi è di dovere ,paghera pure qualche operaio……………
    Vista da sopra il nuovo parlamento ha la forma di $ e non del euro. Com’è possibile?

  • dule

    Mi è piaciuto questa frase nell’articolo: La dittatura che voi cercate di combattere si trova nella vostra anima e non di certo nella piramide e nella sua stella. Detto questo, io penso che la piramide in mezzo a città, – a prescindere che è giusto o sbagliato sul piano morale – no sta bene esteticamente e occupa tanto spazio inutilmente. Quindi, direi che la piramide bisogna batterlo giù, non perché non si vuole riccordare quel che è stato, e come giusto è sottolineato nella ultima frase dell’articolo, ma per spegnere quel culto di personalismo costruito con il sangue e terrore.

  • dule

    [quote name=Eagle]

    hitler sì,che l’hitler à confronto di enver hoxha era un democratico

    Noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo, troppo bello!!!
    Complimenti per quella mente illuminata!!!
    Ma perché vuoi fare spiritoso quando non conosci la storia del nazismo e la storia del sultanismo? Hitler, in proporzione della popolazione ne ha fatto meno vittime in confronto di Hoxha. Ma se vuoi fare un discorso comparativo, faciamolo con lo zio Stalin e la Russia. Stalin ha fatto milioni di vittime dopo la guerra, più di quelli che ha fatto Hitler durante la guerra. In più, durante il nazismo e fascismo, anche se formalmente, esisteva il pluralismo politico e la cosa più importante conoscevano la proprietà privata. Quindi non vedo perché ti meravigli cosi tanto

  • DITI

    IO STO IN ITALIA DAL 94 E SO CHE IN CHUESTO PAESE SE DEVI APRIRE O CHIUDERE UNA FINESTRA A CASA TUA CI VOGLIONO UN SAKO DI DOKUMENTI SKRITO MANOSKRITO DISEGNO GEOMETRA ARCHITETO INGINIERE CON MARCHI DI BOLO PRESENTATI AL COMUNE E POJ ALA FINE NON TE LA FANO FARE IL LAVORO.INVECE DA NOI UNO SI ALZA LA MATINA DAL LETO E SI CHIEDE CHE FACIO OGI ?TATAAA LI SI ACENDE LA LAMPADINA BRRILANTE IDEA BUTIAMO GIU LA PIRAMIDE ….SENZA PESARE CHE LI CE UN PEZO DEL NOSTRO PASATO RICORDI BRUTI SOFERENXE MA SI PO DIRE ANCHE RICORDI BUONI PERCHE FIN CHE ERA VIVO TUTI LO VOLEVAMO E QUASI TUTI ANO PJANTO LA SUA MORTE .IN POKE PAROLE IO A ENVER HOXHA LO ODIO , I TEDESCHI ODIANO HITLER ,I RUSI STALIN I ROMENI CIAUCESKO I ITALIANI MUSULINI E TANTI ALTRI X IL MONDO ANO TUTI DEI MUSEI PERCHE LORO ANO FATO LA STORIA E LA STORIA NON SI CAMBIA E LA PIRAMEDE AL MIO PARERE DEVE RIMANERE LI DOV E .

  • Eri

    Sì, distruggiamo tutto ciò che abbiamo… tutto ciò che siamo…

    Non è la piramide del dittatore Hoxha che noi vogliamo abbattere. E’ il nostro passato… Forse cosi nessuno si ricorderà più che due decenni fa la pensavamo diversamente…

    LORO l’hanno costruita (inaugurata nel 1988). Doveva essere il museo del dittatore.. Nel 1990 NOI l’abbiamo soprannominata “la piramide”. Da allora…. Era lì che ci davamo sempre appuntamento… prendevamo il caffè al bar di fianco… portavamo i bimbi a giocare al piccolo parco di fronte… partecipavamo ai concerti/ spettacoli/ fiere organizzate…. E’ sempre stata la nostra piramide… 2010. NOI l’abbiamo abbatutta.

  • Eagle

    Dule mendjendrituri,
    parlare con te è come parlare con un bimbo dell’asilo nido con l’unica differenza che il bimbo ti ascolta e apprende, mentre tu sai già tutto e vuoi solo insegnare… l’ignoranza appunto.
    Visto che il tuo tempo interiore è fermo ai sultani dei secoli scorsi, cosa hai da dire di buono sul sultano Berisha che sta frantumando le aspettative degli albanesi da 20 anni? Credi davvero caro bimbo di aver un’anima libera dalla dittatura, lodando come fai sempre la condotta criminale del tuo sultano del presente? Altroché spirito libero il tuo, semmai libero dell’intelligenza che gli è sfuggita dal momento del concepimento! ;)
    La piramide non va abbattuta, per mille motivi, economici, storici, culturali e morali. Non sta a me elencarli con ordine, ma ai specialisti. Per me sarebbe sufficiente la ragione finanziaria, quanto costerebbe agli albanesi l’abbattimento e la costruzione di un nuovo edificio senz’altro lussuoso, in un tempo quando il deficit pubblico albanese, grazie alla politica malvagiamente rovinosa del criminale Berisha, ha raggiunto livelli proibitivi per uno staterello come il nostro? Facciamo due conti in santa pace e vediamo se ci conviene. Forse conviene all’agente serbo-greco di Tropoja, che sa che ormai il suo regime fascista è agli sgoccioli e che si è messo in testa di devastare il più che può le già fragilissime finanze albanesi. Ma ai cittadini albanesi che si preparano a pagare i conti salatissimi delle scadenti infrastrutture del regime del sultano Berisha, costruite come sappiamo coi debiti, quanto conviene il tutto?
    Le risposte stolte da asilo nido non sono gradite, risposte sagge cercasi.

  • Eagle

    E’ proprio così… Eri, devastiamo i beni pubblici lasciatici in eredità dai nostri padri. Come facemmo all’inizio anni 90′, quando sotto gli ordini della mamma santissima, il PD del dittatore odierno, distruggemmo tutta l’eredità culturale e materiale, restando poi con le promesse vuote berishiane, di costruire tutto da zero. MAI AVVENUTO! Cosa si è costruito da allora, quali opere simili alle giganti centrali idro-elettriche, alla mega fonderia di Elbasan, alla super raffineria petrolifera di Ballsh, alle miniere e alle fabbriche industriali che generavano benessere per tutti? Anche l’aeroporto di Rinas è opera degli altri i quali lo spremerano in concessione per decenni.
    Dove sono oggi gli agrumi della nostra riviera, piantati dai nostri padri che a piedi nudi appiattivano le creste e i dorsali delle colline del Sud? Quanto sudore e sangue per costruire, dare vita a qualcosa e quanta semplicità nella stoltissima e misera azione di distruggere?
    Ed eccoci qua, oggi compriamo gli agrumi dalla Grecia, le olive e l’olio d’oliva dalla Grecia e dall’Italia, la frutta dalla Macedonia, lo zucchero, la farina, i macchinari, l’arte, la cultura e tutto il resto dal Mondo, perché ciò che avevamo prima non “andava bene”. Non perché vecchio e superato(e quindi migliorabile e rinnovabile), ma perché “comunista” e quindi non degna di stare in piedi. Il brutto di questa storia è che ancora non abbiamo appreso niente dalle lezioni del passato, continuando a distruggere anche oggi come se niente fosse.
    In lacrime, ti verrebbe da dire, QUO VADIS ALBANIA?

  • dule

    Grazie spiritoso, meno male che ci sei tu a illuminare!
    Infatti, si vedono i frutti dei bimbi che ascoltano persone come te…sono tutti in giro per il mondo per illuminare altri nazioni. Secondo me, spiritoso, sei tu che devi imparare dai bambini..altroché. Cmq torniamo a noi. Ma scusa, ancora con questi 20 anni di Berisha?? Hai memoria corta o ci vuoi fare credere quello che vuoi tu??!! 1997-2005 chi era al potere?? Illuminami spiritoso!!! Dimmi un pò quello che è successo in quel periodo, e non fare lo spiritoso che non ti ci riesce..Ne avete combinato cosi tanto in quel periodo che la malvagità di Berisha a confronto è pallida. Nel 1997 avete preso il potere con la violenza, e anche oggi state cercando di ottenerlo con i stessi metodi, senza scrupollo.
    Io non credo di avere o di ottenere nulla, ma che mi viene a dire di battere Berisha da coloro che hanno fatto di tutto e di crudo nell’epoca comunista o sultanistica (per dare il proprio nome al regime) rimango un po perplesso. Gjinushi, uno dei pagliacci dell’epoca disse nel 1997: il potere l’abbiamo preso con i fucili e con i fucili la riprenderemo..la stessa cosa dice anche oggi.
    Dimmi perché Berisha è un criminale, con chi è implicato direttamente o indirettamente.
    Guarda che quella specie di piramide di Keope Hoxha, è una palla al piede, e va abbattuta per sparire il culto del personalismo e sultanismo. Hai mica visto din qualche paese democratico qualcosa del genere?? Poi, secondo te cosa vuol dire moralmente??–Dai spiritoso non usare paroloni fuori dalla tua portata..su. Poi non nominare i specialisti in albania che non valgono m’ancho un centesimo.
    Scusa un po, non ti interessa quant’è costato al popolo quando si è costruita quel cadavere in mezzo a Tirana, ti preoccupi adesso per la questione finanziare..dai su non ci credi neanche tu dopo aver riletto quello che hai scritto-su..Se vuoi fare un discorso finanziare, l’abbattimento ha i suoi vantaggi economici e finanziari perché verrano aperti molti posti di lavoro e anche esteticamente starebbe meglio senza quella specie orribile in pieno centro. Poi cosa centra il debito pubblico con la ricostruzione del centro città?? O è una battuta per depistare l’attenzione!?
    Si, facciamo i conti in tasca, ma tira i dati ufficiali e non quelli inventati dalle fantasie del sindaco del comune che vi prende per il sedere dalla mattina alla sera.
    Agente serbo-greco chi?? Dai, voi siete abituati a difamare..il tuo sindaco mendjendritur parla benissimo greco e invita cantanti serbi,non perché io ho qualcosa contrario, ma non mi sembra un equiparazione giusta.
    Quali conti salatissimi stanno pagando i cittadini albanesi?? Come se a te dispiacerebbe tanto!! Lo sai maggior parte della popolazione che tu chiami cittadini, sono disoccupati?? Che cosa stanno pagando se un progetto del genere viene sostenuto e finanziato dalle istituzioni Europee. Ma di che cosa stai parlando??
    Risposte sagge cercasi!!! :)) che spiritoso!! Guarda che la saggeza va guadagnata e non pretesa.

  • jozef

    “…Persino Hoxha, nella guerra contro la religione, chiuse ma non distrusse i luoghi di culto…”
    ????
    E’ più esatto dire che QUALCHE edificio rimase in piedi adibito ad altra funzione. Durante il regime di Hoxha furono demoliti luoghi di culto di inestimabile valore storico.

  • Enver Hoxha

    ma perché non li ferma nessuno – ci chiedono i nostri lettori – lì abbiamo i nostri ricordi”. E’ curiosa questa affermazione. Chissà perché le stesse osservazioni non sono state fatte 20 anni fa, quando si demoliva tutto in ragione del fatto che era comunista, quindi vecchio e superato. Queste sono lacrime di coccodrillo!

    “visitai la piramide quando c’erano ancora le reliquie di hoxha”
    Le mie reliquie. Certo che il termine combacia molto con quella delle religioni. Il termine non e appropriato. Rimarca un odio nei miei confronti, a mo di disprezzo. C’è da dire che non è mai stata una mia volontà da vivo, né ho dettato un mio testamento per realizzare una inutile piramide la cui falsa intenzione di Ramiz Alia era quella di farne un museo, cosa diversa da un sepolcro. L’unica mia volontà era quella di riposare con i tanti patrioti che hanno lottato per la liberazione della patria dall’invasore. Ma di lì mi avete sfrattato!

    “Loro” non conoscono la vita ma solo la guerra..contro i simboli.
    Appunto i simboli. La mia statua nella piazza centrale di Tirana e la piramide in realtà erano dei simboli che dovevano essere utilizzati successivamente per “simboleggiare”
    la caduta ufficiale del sistema popolare. Cosa che poi è avvenuta. Questo il vero motivo della loro realizzazione. Sull’onda del sentimento popolare a causa della mia morte (oppure omicidio?) si sono spesi questi inutili soldi. Alla mia morte nella Banca di stato c’erano 5 miliardi di dollari in contanti. Come si sono spesi? Ma possiamo parlare solo della demolizione di queste cose per simboleggiare la caduta del socialismo in Albania? Le cooperative agricole? Le fabbriche? Ecc.. sono state rase al suolo senza pietà alcuna del lavoro del popolo.

    “Loro fanno quello che vogliono. Raccolgono i voti (magari anche dubbi) e poi si sentono le mani libere. Non si è riuscito a superare quel modo di governare che era tipico del sistema precedente”. La maleducazione alcune volte è un gesto incosciente. Come di fa a paragonare il libero arbitrio di tutta l’attuale classe politica di oggi con il passato popolare. Parlate con i vostri padri, madri, nonni. In ogni quartiere, caseggiato, città il collettivo dibatteva di tutti gli argomenti che venivano sintetizzati nel piano, deliberato da un congresso. Dove sono le decisioni da me assunte che hanno determinato lo stesso comportamento dei politici di oggi? Dove sono? Non sforzatevi non ne troverete! Nella nostra albania socialista i passato non è stato raso al suolo. Giacché del passato non c’era nulla. Ma la cultura, la musica ecc. non è stata buttata dalla finestra per costruirne un’altra. E’ stata tutelata, con lo sforzo di far nascere una nuova cultura che si scrollasse di dosso i 6 secoli di dominazione ottomana.

    Perché noi siamo il popolo delle leggende. Cosa ci costa inventarne una: “c’era un dittatore che morì coperto di gloria….costruirono una piramide..”Che dire di ciò? Prima si afferma che noi albanesi siamo il popolo delle leggende… poi si induce il lettore a credere che la mia gloria è stata indotta ! vai a capire certe cose !

    Forse è arrivato il momento di cercare la gloria altrove: nella guerra contro la povertà affinché dei bambini non muoiano affamati e nel buio come è capitato in questi giorni.”Menomale che lo dici. Ciò accadeva nell’albania popolare?

    Lasciateci dire che abbiamo vissuto e non solo bei tempi. Menomale che lo dici.
    Non proseguo per questioni di tempo, ho molto da fare in russia. Concludo dicendo che anche l’abbattimento della sede del comitato centrale è un simbolo. In ogni caso, la mia figura non è affatto tramontata, anzi! Il futuro è tutto da scrivere. Il capitalismo non è diverso da paese a paese. Il socialismo è una necessità storica con o senza di me!

  • bushman

    Ari perchè costruire un museo in memoria di tutti quei prigionieri politici morti nelle galera? C’è già. Infatti io sarei d’accordo dedicare una parte della piramide proprio a quello. Quale luogo migliore? In quella costruzione si è lavorato e si è speso mentre la gente era in fila per un pezzo di pane. Magari di granturco. Però c’è una analogia con questi tempi: propri mentre si parla di fare grande cose ci rendiamo conto che dei poveri ci sono. Qella non è solo una piramide come l’abbiamo denominato ma è anche una aquila se ben vedete anche dalla foto. Perchè chi l’ha progettato suppongo che l’abbia fatto per resistere ai tempi. Come se sapesse che il comunismo sarebbe durato poco. Erano tempi di decadenza e stranamente è in simili tempi che si da il meglio. Basterebbe ricordare la musica. Basterebbe (chi ha vissuto) ricordare gli ultimi festival ho gli ultimi gruppi musicali usciti subito dopo: Tingulli i zjarrte, djemte e detit, ritfolk. Perchè in quel momento si è intrecciato una istruzione rigida con un pò di libertà. Nè è un esempio anche la piramide. Non c’è dietro una questione politica, è semplicemente una battaglia civile. Lo avrei fatto lo stesso se la decisione fosse stata di Rama (dal quale me lo aspettavo). Si sta andando troppo veloci e si rischia di fare altrettano grossi errori. E per convincervi che non è una battaglia politica, vi giuro che se Berisha decidesse di cambiare idea, partirò dall’Italia per votarlo nelle prossime elezioni, perchè sarà il primo esempio di un politico che ascolta.

  • dule

    X Enver Sultan Keope Hoxha: “Forse è arrivato il momento di cercare la gloria altrove: nella guerra contro la povertà affinché dei bambini non muoiano affamati e nel buio come è capitato in questi giorni.”Menomale che lo dici. Ciò accadeva nell’albania popolare?

    Hai il coraggio di dire che ciò accadeva in Albania popolare??!! Innazi tutto cosa vuol dire uno Stato popolare?? I bambini all’epoca sofrivano di tante malatie denutritive e di conseguenza di malformazione e mancanze di vitamine nelle ossa. C’è poco da fare spiritoso con le tue pagliacciate da quattro soldi. Lo sai tu che la maggior parte della popolazione che risiedeva nelle campagne non vedeva m’ancho il pane di grano?? Oggi giorno, tale malatie sono sparite, forse i poveri ci sono e ci saranno sempre, ma almeno oggi non possiamo fare la fila per un kilo di carne di merda o un litro di late che ci usciva dal naso la mattina dopo. Quindi, tu pagliaccio che ti spaci per Keope Hoxha fai bene di non fare tanto spiritoso con un dramma subito da un frustrato.

    Lasciateci dire che abbiamo vissuto e non solo bei tempi. Menomale che lo dici.
    Non proseguo per questioni di tempo, ho molto da fare in russia. Concludo dicendo che anche l’abbattimento della sede del comitato centrale è un simbolo. In ogni caso, la mia figura non è affatto tramontata, anzi! Il futuro è tutto da scrivere. Il capitalismo non è diverso da paese a paese. Il socialismo è una necessità storica con o senza di me!

    Il capitalismo è diverso da paese a paese, e quando vai in russia (e speriamo che ci rimani) ti renderai conto. Il socialismo è una neccessità storica, ma perché il capitalismo non è diverso da paese a paese, e il socialismo no??
    Enver, raccontacci un po della tua storiella con S.Moisiu!! Com’eri avanti e moderno all’epoca sultano Enver. Pensa un po nessuno ti aveva capito, e oggi di un tratto…toh!Beh, sultano…se ci fossi oggi, senz’altro quella leggina sugli matrimoni sarebbe già stata passata…eh sultano Enver, quante ne sapevi!

  • dule

    Il primo e il terzo paragrafo sono del Sultano

  • Eagle

    Vedete, la democrazia o meglio la oligarchia spacciata per democrazia, è odiosa quando dà voce ai minorati allo stato brado!

  • albanian_job

    Ma ti rendi conto di quello che dici???? non sto qui a citare frase per frase perchè non si finisce più. “chiuse ma non distrusse i luoghi di culto…” ma che cavolo dici!!!!!!!!!ne ha risparmiati 5 o 6 e ne ha distrutti centinaia e migliaia!!! per non parlare che eravmo l’unico paese dove non si praticava la religione: persino Stalin non aveva osato tanto! Persino in Cina, tuttora!!! E tu saresti uno che ha memoria di quei tempi, hai visto pure la pistola, etc.??? Fai pena come giornalista, eppure vieni presentato come coofondatore. Le stranezze della vita….

  • Alba

    Eagle, sei in gamba! La penso allo stesso modo. Distrugere non é per niente inteligente;distinguere l’oggetto dal simbolo lo é e lo é ancora di piu discernere l’opera dal simbolo. Il simbolo é un concetto soggetivo opinabile. Penso che, tenendo in vita l’opera(”la piramide”) come contenitore, con una nuova funzione, si potra fare in modo che il simbolo storico venga superato; cosa gia avvenuta,per quanto ne sappia. In verita, la construzzione, fisicamente, simboleggia un aquila ed, a parer mio, non e malvaggia. Cosa simboleggi moralmente,lascimola alla storia; pensiamo a costruire e non a distrugere… un futuro…meglio ed in fretta… e che sia bello!

  • Eagle

    Grazie Alba!
    albanian_job o meglio Dule, datti una calmata subito! Oltre a minorato sei anche un’essere vile!!!

  • Ardian

    Non sto a perdere tempo con discussioni “inutili”! Vi dirò brevemente ciò che mi è successo quest’estate. Mentre facevo la fila alla dogana dell’aeroporto “Madre Teresa” di Tirana, ho conosciuto un ingeniere italiano. Lui era venuto in Albania, perché gli avevano detto che c’era lavoro e tra l’altro, c’era un boom delle costruzioni. Dalle sue parole ho capito che non era tanto contento della scelta che aveva fatto. Voleva andarsene. Aveva riscontrato la nostra “burocrazia”. Però tra l’altro, lui era molto sorpreso per un fatto. Era sorpreso del fatto che sentiva, che i figli di E.Hoxha erano i costruttori di molti edifici. Mi raccontava che in Italia, dopo la guerra il fascismo era stato sradicato. Chi aveva avuto potere prima, era stato condannato o non lasciato partecipare attivamente nella vita della nuova repubblica. Figurarsi, i figli del dittatore che potevano costruire tranquillamente e diventarsi miliardari?!!!
    Ma secondo voi chi è la piramide a abbattere, quella che dice il leadyer Gaga o gli eredi del dittatore? State tranquilli che il comunismo regna e fiorisce meglio di prima in Albania. Oggi sono più ricchi di prima. Non gli chiamano più, dittatori, ma leader che ci stano integrando in Europa. Non c’è bisogno del filo spinato, quando gli puoi impoverire fino al punto da non avere soldi neanche per vivere. Cari connazionali che vi piacciono i partiti, non sarebbe meglio avere un partito, l’Albania?!! Non vi pare così? Io non sono un carcerato per festeggiare la libertà ,vigilata, dei visti! Era un nostro diritto. Comunque evviva l’integrazione dell’immondizia europea in Albania! Evviva l’amicizia del sigurimi, ndrangheta, sacra corona unita. Evvivano i nostri leader politici, quante le montagne dell’immondizia!!!
    E basta con malattie mentali che vi portano ad essere più cristiani del Papa!!!

  • albanian_job

    hahaha, che ridere, siamo albanesi ed è meglio scambiarci due parole in italiano perchè anche le offese prendono altro colorito, non rozzi, come sarebbero sembrati nella nostra lingua.
    Prima di tutto, io sono albanian_job, e non “dule”.
    Invece tu sei il cane da guardia che rispondi senza essere chiamato in causa, oppure sei l’autore del pezzo?
    Come ti permetti di offendere persone che non conosci? L’anonimato ti fa togliere la vigliaccheria, “qyrrash”, figlio di minorati, demente “eagle”?
    La mia era stupore, perchè, leggendo l’inizio, “autore, uno dei fondatori…” mi sono detto, com’è possibile, aldilà se sia giusto o no l’abbattimento, fare un articolo “giornalistico” (presumo che sia giornalista) basandosi sul nulla e portando argomentazioni a dir’ poco bambineschi (dovrei chiamarle con il loro nome, ma lascio perdere). Per di più, come ha già detto “ardian” i palazzi li costruiscono i figli del dittatore defunto, “i reali” del comunismo sono ancora vivi, i loro figli e nipoti hanno in mano le redini dell’economia e della politica sotto variegatte sigle, dalle piaghe del nostro popolo esce ancora sangue, perchè nessun crimine è stato condannato (l’unico paese al mondo) e qui si fa l’apologia di un sistema che ancora uccide, tutti i giorni; nostalgici degli incontri sotto la piramide ( nel prossimo articolo ci si aspetta la richiesta di rimettere al suo posto la statua del dittatore perchè punto di riferimento per gli incontri d’infanzia al centro della piazza) si dà il merito alla dittatura di aver risparmiato qualche edificio di culto ( come monumento di cultura e non per altro) girando il coltello nella piaga, offendendo un popolo intero, dimenticandosi dei morti sotto le macerie delle centinaia e miglia di edifici, e non ascoltando le grida di migliaia di clerici di varie religioni, intellettuali, etc., torturati, ammazzati e buttati nei fiumi senza dare modo ai loro cari di piangerli in un sepolcro semplicissimo. etc., etc., etc.
    E volete la stella sulla piramide?! Ve lo do io la stella. In testa. Alla cosidetta giornale.
    Abania New-Stella. Sta bene, no?

  • Eagle

    Ti nuk je albanian job semmai albanian blowjob, mor qurravec sydac qe s’njeh as gjuhen e nenes! Chiamarti albanese o Dule il pagliaccio, è troppo e non lo meriti. Per il linguaggio che usi tu sei un buffone ignorante indegno di rispetto pertanto i tuoi giudizi sull’articolo e l’autore non te li caga nessuno. Tienteli per te e sparisci il prima possibile, halabak rrugesh!

  • halli

    Oooo me ne fund njeri qe di te flase si Berisha! Edhe ai i ka premtuar opozites se do ti shkule dhembe e dhemballe. Ku na ka shkuar halli. Te flasim me te tille njerez per vepra arti, kulture, arkitekture. “Albanian Job” apo “Pune M….” ?

  • albanian_job

    [quote name=Eagle]Ti nuk je albanian job semmai albanian blowjob, mor qurravec sydac qe s’njeh as gjuhen e nenes! Chiamarti albanese o Dule il pagliaccio, è troppo e non lo meriti. Per il linguaggio che usi tu sei un buffone ignorante indegno di rispetto pertanto i tuoi giudizi sull’articolo e l’autore non te li caga nessuno. Tienteli per te e sparisci il prima possibile, halabak rrugesh! hahahahahahaha, sembri offeso, minorato, eee? Vuoi pure la risposta per le cose che scrivi???
    o me ne devo andare? forse è meglio, perchè fai paura così, sembri un comunista d’altri tempi, con la pistola del nonno enver in mano…hahahahahahahaha
    a parte gli scherzi, forse hai ragione, non sei degno di una risposta, ed io non sono degno di frequentarvi, visto come i responsabili permettano offese gratuite ( ho letto i post precedenti e chi la pensava diversamente veniva chiamato minorato dal cane che abbaia)
    complimenti vivissimi :lol: :lol: :lol:

  • albanian_job

    [quote name=halli]Oooo me ne fund njeri qe di te flase si Berisha! Edhe ai i ka premtuar opozites se do ti shkule dhembe e dhemballe. Ku na ka shkuar halli. Te flasim me te tille njerez per vepra arti, kulture, arkitekture. “Albanian Job” apo “Pune M….” ? Po te pergjigjem dhe ty, meqe e ke nga halli:
    “Berisha eshte komunist e kaluar komunizmit, or tunxh” (batute filmi)
    me pare duhet te shkule dhembet e veta e te shpures se tij…

  • Eagle

    X albanian blowjob

    E chi s’arrabbia con te mor buf pulash! Conosco bene la tua fobia per i comunisti, ma hai sbagliato indirizzo. Io non sono comunista e non lo è nemmeno chi si oppone all’abbattimento della Piramide. Ma tu non hai voglia di leggere e di capire nessuno perché sei nato sapiente e sai cose che gli altri ignorano. Bravo, critica pure chi ti permette di scrivere le tue stronzate senza censure. Questo infatti è un covo do comunisti e non è degno di avere persone saputelle come te. Vai altrove e vedrai… Perché non provi a scrivere su RD o ancora meglio Gazeta55 di un certo Fahri Balliu, corrotto militante leccaculo del dittatore al potere? Mi risulta che i segugi fedeli li paghi molto bene.
    Ti saluto lapurak!

  • halli

    Eshte e vertete, nga halli e kam. Sepse nuk eshte hall i vogel te mos merresh vesh me njerezit. Por ja qe duke biseduar diçka kuptohet. Dmth se ti ke deshire te prishet piramida jo vetem se eshte e Enverit por sepse eshte edhe Berishes.

  • Fatmir realisti

    Ha …che ridere con questi commenti di giovani ”Italiani”. L’integrazzione sta andando avanti ,sembra . Stando vivendo un eppoca di merdissimo BERLUSCONISMO, anche gl’extra colegano tutto con la politica.
    Ma sfuge il problema principale:Perchè abbaterlo?????????
    Quel edificio APPARTIENE ALL’ALBANIA.Dal NORD al SUD ,da destra a sinistra devono essere fieri per quel edificio (anche innutile in questo momento ), ma rapresenta un passo in avanti dell’Albania verso l’Europa già in quei anni di duro comunismo.
    Adesso lo vogliono abbaterlo solo per il” Dio Denaro ”.E non perchè appartiene ad un eppoca scura dell’Albania.
    Anche ENVER HOXHA non ha distrutto gl’edifici costruiti dai merdosi fascisti.
    Che sarebbe un Italia senza la stazione Centrale di Milano (costruito da Musso) ????
    Per me, l’Italia sopravive lo stesso ,ma li manchebbe un vero patrimonio nazional’artistico.
    Ma chi è quello che è passato da Tirana senza avere una foto fatto li.
    Ma chi è quello studente di architetura che non ha mai disegnato la PIRAMIDE a forma di AQUILA.
    Quell’aquila che non ha mai voluta sottometersi ai padroni ,
    occupatori e politici che fano le loro interessi.
    Tanto all’Albania non li serve il parlamento.
    Abboliamo il sistema politico è salviamo la Piramide.

  • Alessia

    Che è successo alla A? Assomiglia alla piramide che crolla o al segnale stradale di pericolo caduta massi o … Scusate se scrivo qui il commento, ma ho provato nella posta dei lettori e non ci sono riuscita. Buona serata-

  • Alessia

    Risposta trovata e compresa.

  • vilma

    Perse ne shqipetaret nuk arrijme te bashkebisedojme pa kaluar ne ekstrem? Te ofendosh te tjeret nuk do te thote te kesh te drejte.
    Nje gje eshte fakt, duam apo nuk duam t’a pranojme E.Hoxha n’a ben ende qe te flasim per te edhe pas vdekjes…e sa per piramiden shpresojme qe te mos shembet…eshte nje veper arkitektonike me rendesi…hiq te tjerat. Pune te mbare te gjitheve.

  • indriti

    dio… mi viene da piangere a leggere alcuni commenti.
    ma come cazzo si può dire che la “piramide” sia simbolo di un intero popolo, quando sappiamo tutti che fu costruita per immortalare la memoria del dittatore? come si fa a dire che il dittatore hoxha conservò gli edifici costruiti dal fascismo a dimostrazione della sua anima illuminata quando sappiamo tutti che per mano sua venne distrutto e abbattuto e deturpato tutto il patrimonio architettonico religioso, tutti i luoghi di culto?
    per me c’è un motivo valido per non abbattere la piramide, oltre al fatto che li ci ho passati pomeriggi interi con gli amici del liceo, oltre al fatto che li ho conosciuto la mia prima ragazza, oltre al fatto che è un opera architettonica rilevante. Fu costruita per portare memoria del dittatore. Che venga trasformata in memoriale per tutti i caduti della dittatura, per gli oppositori perseguitati, per gli uomini imprigionati, per i poeti massacrati. Non c’è in Albania un simile monumento e sarebbe un opera di giustizia nei confronti di chi coraggiosamente si oppose alla dittatura in un epoca in cui anche il solo sussurrare un pensiero di libertà costava la vita. per questa ragione e per nient’altro dovrebbe stare in piedi un simile edificio. Se ciò non saremmo in grado di fare, allora, che venga abbattuto, perché i simboli che voglio lasciare ai miei figli dovranno essere di coraggio, libertà, vita e fratellanza.

  • nome

    Bellissimo Indrit, hai fatto una mescolanza alquanto strana di parole: Dio, C….., Luoghi di culto, Fratellanza.

  • vilma

    Buongiorno a tutti!

    Indrit: conosco un pò di persone che hanno fatto 20 anni di galera come prigionieri politici, e non credo che vorrebbero un museo a loro dedicato. La piramide escluso il valore architettonico, ha anche un altro valore..quello della memoria, e quest’ultima non a bisogno di chiacchiere…sa parlare anche in silenzio e senza troppo rumore.
    Io ho sui 30 anni e di sicuro non mi puoi dare della comunista, (anche se sarebbe una cosa della quale non mi vergognere..significherebbe che ho dei ideali, cosa che oggi giorno non ce lì hanno tutti) e di sicuro non darei mai il mio consenso per abbattere la piramide…Abbiamo bisogno di altro in Albania…di scolue dove poter portare i bambini per non permetere che vadano oltre confine, perchè il nostro Stato non costruisce le scuole nei loro villaggi.Abbiamo bisogno dare una mano agli studiosi della nostra lingua, per poter lasciare anche noi ai nostri figli, linguisti del calibro di Eqerem çabej, Aleksander Xhuvani,etj.Abbiamo bisogno di investire nella sanità, per non dover pagare i chirurghi e i medici, per un intervento…Abbiamo bisogno che il nostro Governo riesca a stabilire un equilibrio con l’opposizione, cosicchè la nostra candidatura non venga respinta solo perchè loro litigano dalla mattina alla sera. Insomma….i soldi che S.Berisha vuole sperndere per abbattere e ricostruire possono essere spesi cosi…secondo il modesto parere.
    La religione non sempre ha avuto un ruolo positivo nel nostro paese…e tu losai bene…questo te lo dico da credente cattolica.
    Perchè nessuno riesce a capire che il periodo era tale da imporre la priorità assoluta all’unità nazionale. Oggi giorno vedi donne con il ” ferexhe” in testa..mia nonna si rivolterebbe nella tomba se solo sapesse che una donna oggi giorno la constringono di metterla di nuovo,dopo tutta quella lotta fatta da lei e la sua generazione per concuistare la libertà di essere senza un pezzo di stoffa in testa, e di poter parlare con un uomo guardandolo dritto nei occhi.Epensare che la sua generazione ha impararto a scrivere lavorando con i turni in fabrica…in Albania non riescono a costruire le scuole per gli albanesi che devono imparere in aòbanese e non in greco.
    Buon lavoro!

  • Eagle

    Seguendo il filo di ragionamento del gemello di Dule, Indrit, gli italiani dovrebbero abbattere ogni opera monumentale o edificio degli imperatori autoritari dell’antica Roma, come Giulio Cesare, Nerone, Commodo. Dovrebbero poi abbattere gli edifici come Colosseo dove gli imperatori romani per puro divertimento mandarono al macello decine decine di migliaia di uomini e bestie. Dovrebbero abbattere i luoghi della chiesa cattolica quali sedi di una serie lunghissima di torture, omicidi e roghi orrendi contro persone innocenti. Dovrebbero abbattere ogni opera napoleonica, fascista etc. Per non parlare dei francesi, gli inglesi, i russi e tutta l’Europa. Che mondo triste sarebbe un mondo fatto di idioti che radono a suolo tutto ciò che loro per la nerissima idiozia che li avvolge mente e anima, non amano!
    Questo sì che sarebbe da piangere!

  • vilma

    Bravo Eagle!…e non aggiungo altro..chi vuole ascoltare e imparare lo faccia.

  • indriti

    ah nostalgji, nostalgji!!!
    la questione è che qualcuno vorrebbe tenere in vita la piramide per erigere agli onori le gesta del dittatore e della violenza. Se il tribuno illuminato “eagle” paragona Enver Hoxha a Giulio Cesare e la piramide al Colosseo direi che ha spudoratamente svelato il suo essere accecato da troppa luce che gli avvolge mente ed anima e sicuramente ci ha dimostrato che egli ama…. l’appena passato.
    Kur binte shkjau(serbi) ne Diber, tregojne malsoret, ndalesh gjakmarrja, hasmi me hasem duhet te luftonte krah me krah, kunder armikut te perbashket. Kur ndodhte qe dikush thyente kete ligj, atij i digjej kulla dhe askush nuk mund te jetonte me ne ate kulle e ne ato toka, sepse pabesia nuk duhet te kete as vater as djep. Pabesi beri Enveri me Shqiperine, por kullen sja dogjem, as shpine te blloku. Monumente nuk i ngrejme dot se ka akoma eshtra qe prehen pa emer brinje qershise afer burgut te Spacit, rrotull burgut te Burrelit, ne fushen pjellore te Myzeqese gruri djersin gjak. Piramida, ne sbehet monument, mbetet hymn i periudhes kur shqiptaret u bene varrmihesit e vetvetes dhe dikush si “eagle” do u kendoje lavdive te asaj kohe.

  • DITI

    o Indrit me vjen keq te them po ti se din as vet se ça po shkrun ( Kur binte shkjau(serbi), shkjau x te gjith krishteret me sa di una esht nje fjal shum ofensive . jam dakord me komentin e Vilmes e Eagle salviamo la Piramide.

  • dule

    Eagle, innanzi tutto sei un gran maleducato che offendi gratis. Strano che non mi hai attribuito anche il commento di Indrit. Come è legittimo che tu esprimi il tuo pensiero per non abbatterlo la piramide del tuo Sultano, è altretanto giusto che le altre persone esprimano opinioni contrari, ma la differenza tra me e te è che io dò dei argomenti e tu sai solo offendere. Però, io ti capisco…come fai ad essere diverso!! Discendi da una cultura divide e impera, ed è per questo che difendi il tuo padrone…gente come te non è abituata a pensare con la propria testa..morto il padrone siete persi e tra le nuvole.
    Cosa sono questi esempi di Cesare, Nerone ecc,senza collegamenti? Che centra Hoxha con loro? Loro almeno hanno “giustificato” le proprie azioni con un esteso impero, ma Hoxha di che cosa si giustificava? Di essere un criminale in persona? Lo sai tu che Hoxha ha ucciso Mehmet Shehu in diretta solo per il fatto che l’aveva contrastato?? Almeno Stalin, aspettava finche andassero a casa…invece Lui bam-bam..c’è il problema? bam-bam..ora non c’è più..Questo era Hoxha. Cesare e Nerone, Napoleone, Bismark, Curcill, Rusvellt non hanno mai avuto le piramidi..massimo possono avere qualche ritratto in bronzo o sulla carta. Le piramid li usavano solo gli Egizzi. Infatti, per questo si chiama Keope. La prossima volta trovi le paragoni giuste.

  • indriti

    Caro DITI.
    Gjergj Fishta ka perdorur fjalen “shkja”. Mitrush Kuteli ka perdorur fjalen “shkja”. Po te jap nje shpjegim te vogel gjuhesor, por here tjeter para se te flasesh infornohu dhe lexo.
    Fjala “SHKA” ose “SHKJA” varesisht nga territori ku perdoret s’eshte ofendim per krishteret por per sllavet. Sipas profesorit tim te gjuhesise, ka kuptimin e ardhacakut. Ju e dini se Sllavet u dynden ne Gadishullin Ballkanik nga Karpatet. Kjo dyndje apo ky imigracion i madh u quajt “SHKARJE” (rreshqitje), prandaj fjala SHKA dmth person qe ka SHKARE (rreshqitur) ne trojet tona.

  • vilma

    Bravo Indrit…me ne fund nje qe perdor gjuhen per te diskutuar ne menyre shkencore. Vedo con tanta ammarezza che certe persone continuano a parlare di cose che non sanno…o le sanno per sentito dire….va be’ è uno degli aspetti del nostro essere albanesi.

  • vilma

    PS: scusatemi ho fatto un errore ortografico..mi sono rivolta a DITI, NON a Indrit

  • arian shehu

    [quote name=Eagle]Seguendo il filo di ragionamento del gemello di Dule, Indrit, gli italiani dovrebbero abbattere ogni opera monumentale o edificio degli imperatori autoritari dell’antica Roma, come Giulio Cesare, Nerone, Commodo. Dovrebbero poi abbattere gli edifici come Colosseo dove gli imperatori romani per puro divertimento mandarono al macello decine decine di migliaia di uomini e bestie. Dovrebbero abbattere i luoghi della chiesa cattolica quali sedi di una serie lunghissima di torture, omicidi e roghi orrendi contro persone innocenti. Dovrebbero abbattere ogni opera napoleonica, fascista etc. Per non parlare dei francesi, gli inglesi, i russi e tutta l’Europa. Che mondo triste sarebbe un mondo fatto di idioti che radono a suolo tutto ciò che loro per la nerissima idiozia che li avvolge mente e anima, non amano!
    Questo sì che sarebbe da piangere!non entro nel merito di discutere quello che scrivi,perchè non te lo meriti,ti vorrei invitare però di non offendere nessuno,evidentemente sei un nostalgico della dittatura del criminale perverso e.h.potresti essere laureato,ma per me rimani sempre un cafone ignorante che sa solo ofendere gratuitamente qualsiasi persona che lo pensa diversamente da te,io ho il coraggio di mettere nome e cognome quando scrivo,ti invito di cambiare quel nickname perchè offendi l’aquila , simbolo del mio è purtroppo anche del tuo paese

  • Eagle

    Un caldo benvenuto al terzo idiota!!! Ora sì che possono darmi del cafone, ma tu no. Tu non puoi perché in poche righe hai superato i tuoi due gemelli e in particolare l’idiotissimo Dule! Sempre che tu non sia uno dei due…
    Non fare il coraggioso dietro un pc e sotto falsa identità, perché sei semplicemente patetico!
    Ciao vandalo,
    distruggi pure tutto tutto quello che ti capita a tiro, come Attila, ma per favore solo a casa tua!

  • dule

    X eagle (mobile): scusa, io non ti ho mai offeso personalmente..tu perché mi offendi?? Qual’è il motivo del tuo rancore?? Io non mi sono mai rivolto a te in prima persona. Vediamo un pò se riesci a dare una risposta obiettiva senza alzare la coda in segno di alerta. Stai tranqi piccioto..se ti vuoi sfogare ci sono le lucine rosse.

  • dule

    [quote name=vilma]Bravo Indrit…me ne fund nje qe perdor gjuhen per te diskutuar ne menyre shkencore. Vedo con tanta ammarezza che certe persone continuano a parlare di cose che non sanno…o le sanno per sentito dire….va be’ è uno degli aspetti del nostro essere albanesi.
    Vilma, ç’esht kjo thenie si ne tym!? Certe persone continuano a parlare di cose che non sanno o per sentito dire!? Appunto Vilma, uno dei aspetti che tu chiami “essere albanese” è anche il tuo comportamento di porsi vagamente e ambigua. Quindi, prima di parlare per il semplice gusto di parlare, analizza te stesso per prima.Ciao

  • DITI

    rrofsh Indrito (kemi te njejtin emer) sot me ndriçove mendjen ,un jam me shkoll te mesme juve me siguri keni me shum se un . parlamentin e ri e inaguruan para disa muash , ne shqipri kemi nevoj x gjera tjera.Ne fshatin tim te lindjes kto dit ka dal perroi dy her x 10 dit dhe mbi 100 shtepi niveli i ujit ka vajt deri ne 1 m ,ne koh te Enverit sbote vaki diçka e till se e pastronin .kan kaluar 20 vjet deri tani ska von dor njeri dhe asnjeri nga lart se ka vrar mendjen .I DASHUR INDRIT ne shqiptaret po spatem nje qeveriqe te qaje hallet e popllit ne do na mori perroi te gjithve si mullaret e barit te fshatit tim e do na nzjerri ne mes te detit

  • arian shehu

    [quote name=Eagle]Un caldo benvenuto al terzo idiota!!! Ora sì che possono darmi del cafone, ma tu no. Tu non puoi perché in poche righe hai superato i tuoi due gemelli e in particolare l’idiotissimo Dule! Sempre che tu non sia uno dei due…
    Non fare il coraggioso dietro un pc e sotto falsa identità, perché sei semplicemente patetico!
    Ciao vandalo,
    distruggi pure tutto tutto quello che ti capita a tiro, come Attila, ma per favore solo a casa tua!sei semplicemente un poveretto,un uomo di niente si dice a Napoli,sono abituato a costruire è non distruggere,per quando riguarda il falso nome ,quelli gli usavano i tuoi idoli “comunisti” o scusa criminali che sapevano uccidere i compagni dietro le spalle,vigliacchi come te.

  • Eagle

    Po mor “demokrat” i oreve te para, po, ai soji juaj i bukur di vetem te ndertoje siç ndertoi kapterr bace Sali Protopata me kompani bashke me pulamedhenjte e tjere te qeverive anti-popullore te ketyre 20 vjeteve! Ndertuat Shqiperine e Re duke djegur te vjetren, vetem se kjo krijesa juaj e re nuk i ngjason aspak nje nuseje te bukur por nje lypsareje leckamane qe behet tapet pragu per te fshire kepucet e te huajve te cileve u dhurohet gjithçka, deri edhe nderi.
    Ndertuat nje vend kosh pleherash per te huajt, ku derrat dhe biçimzinjte si ty qe vijne ne pushtet me apo pa pelqimin e popullit, bejne biznes mbi gjithçka, mbi varferine e njerezve, mbi ambientin qe po e bejne kerme gjithandej dhe mbi sovranitetin tone qe po e shesin pak nga pak tek fqinjet.
    Ik mor lamash qurravec e mos na trego demokracine se e vetmja gje qe njeh ti eshte huri dhe litari!
    Lamashe si ju mos i paste as hasmi se edhe kombi me i zhvilluar ne Bote me nje grusht morrash si ju behet Somali.

  • vilma

    Dule caro!

    Mi rendo conto che per te certe espressioni non hanno senso, sicuramente quando Weber non te le ha ancora insegnate…cmq ti perdono…ku ku nane…kha je ka shkon he burr?…keshtu themi ne andej nga veriu. Naten te gjitheve…

  • arian shehu

    [quote name=Eagle]Po mor “demokrat” i oreve te para, po, ai soji juaj i bukur di vetem te ndertoje siç ndertoi kapterr bace Sali Protopata me kompani bashke me pulamedhenjte e tjere te qeverive anti-popullore te ketyre 20 vjeteve! Ndertuat Shqiperine e Re duke djegur te vjetren, vetem se kjo krijesa juaj e re nuk i ngjason aspak nje nuseje te bukur por nje lypsareje leckamane qe behet tapet pragu per te fshire kepucet e te huajve te cileve u dhurohet gjithçka, deri edhe nderi.
    Ndertuat nje vend kosh pleherash per te huajt, ku derrat dhe biçimzinjte si ty qe vijne ne pushtet me apo pa pelqimin e popullit, bejne biznes mbi gjithçka, mbi varferine e njerezve, mbi ambientin qe po e bejne kerme gjithandej dhe mbi sovranitetin tone qe po e shesin pak nga pak tek fqinjet.
    Ik mor lamash qurravec e mos na trego demokracine se e vetmja gje qe njeh ti eshte huri dhe litari!
    Lamashe si ju mos i paste as hasmi se edhe kombi me i zhvilluar ne Bote me nje grusht morrash si ju behet Somali.uomo di niente, devi cambiare nickname, lo devi mettere come quello che ha avuto il tuo comandante “legendario” taras ,continui a scrivere in italiano ho ti sei inervosito è hai cambiato lingua?

  • dule

    [quote name=vilma]Dule caro!

    Mi rendo conto che per te certe espressioni non hanno senso, sicuramente quando Weber non te le ha ancora insegnate…cmq ti perdono…ku ku nane…kha je ka shkon he burr?…keshtu themi ne andej nga veriu. Naten te gjitheve…Cara Vilma, grazie per il perdono..ne avevo proprio bisogno, ma di quale Webere parli? Di quello della Fromula-1?
    Kha je ka shkon he burr, ne ç’gjuh e dialekt esht?? Mos doje te thoje, kha je t’u shku he burr!! Vilma, futja nje sy gjum..he t’u befsha..

  • Eagle

    Sotto il “niente” c’è il segno meno ed è il caso di dirtelo, tu sei proprio un menomato!
    Ti scrivo in albanese uomo minus, per darti una possibilità di esprimerti ma tu indipendentemente dalla lingua sprechi malamente tutto, perché sai meno di niente!
    Non mi innervosisco coi tipi come te, al contrario mi diverto tanto e per questo ti ringrazio di esistere!
    ‘Tjeta vandalo!

  • vilma

    Po te shkush ne Kelmend po…edhe shprehen ashtu si thua to Dule…po te shkosh ne Diber, aty ku flasin nje shqipe shume te paster dhe shume me afer gjuhes letrare, shprehen ahstu siç te kam shkrua une. Tani qe me the t’u befsha te kam falur me te vertete…si falin burrat jo grate, qe imbajne vath ne vesh te tera…ha ha ha aha…quhet linguistike shkenca qe merret me studimin e gjuhes, dhe dialektete e saj….